Passa ai contenuti principali

Di sedie quasi nuove dove è vietato sedersi


Continuano i lavori di restyling degli oggetti di casa mia. Così dopo il tavolino e il baule ora vi racconto di come ho dato nuova vita alle sedie della camera da letto.
Ho deciso questa volta di non cambiare colore alla struttura ma di rifoderare le sedie usando per entrambe la stessa stoffa.
Per il lavoro mi sono fatta aiutare da mia mamma perchè una delle sedie era anche un po' sfondata e da sola non avrei proprio saputo dove mettere le mani.
Così, le mie mani e il mio tempo li ho impiegati a togliere chiodi...quando si parla di soddisfazioni!!!
Comunque un po' di cose le ho imparate!
Prima di tutto la lista.


Materiali occorrenti
  • martello
  • chiodi da tappezziere
  • colla a caldo
  • forbici
  • spago
  • ago ricurvo
  • cinghia di iuta per sedie
  • stoffa da tappezzeria
  • tela bianca
  • passamaneria
Procedimento
La prima cosa da fare è togliere via il vecchio. Quindi armatevi di tanta pazienza e cominciate a togliere chiodi, stoffa e cinghe vecchie.


A questo punto avrete una sedia ancora più mal ridotta di prima, ma sicuramente pronta ad accogliere i cambiamenti.
Prima di tutto va cambiata la stoffa: bisogna quindi tagliarla e inchiodarla alla sedia.
Poi, bisogna rimettere le cinghie che tengono su le molle. Quattro cinghie per ogni sedia fermate da chiodi.


A questo punto, e non prima,  le molle vanno incastrate sotto le cinghie e cucite a esse con lo spago.
E la sedia si può considerare pronta. Per rifinire il lavoro, tuttavia, è bene incollarare una tela bianca sul fondo della sedia per nascondere cinghie e molle.


Ecco pronte due sedie quasi nuove sulle quali è severamente vietato sedersi!

Già, perchè le sedie sono datate e si rischia di far saltare di nuovo le molle e io non ho nessuna intenzione di passare altri due giorni a togliere chiodi vecchi!!!

PS: si ringrazia la genitrice per aver contribuito in maniera significativa al restauro delle sedie e per aver prestato le sue mani per le foro!

Commenti

  1. Cavoli che lavorone! Bravissima!
    Il risultato è veramente stupendo!
    Adesso basta solo che nessuno si sieda!😉
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. Un lavoro fatto benissimo e le sedie sono nuove, complimenti. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. 'azz... ma io dove stavo, quando hai fatto tutto questo?
    Le possibilità sono due... O non mi hai parlato delle sedie, che mi pare improbabile, visto che ci sentiamo tutti i giorni, oppure sono io assolutamente rincoglionita ed ho rimosso questo lavoro.
    Ho letto e sono proprio caduta dal pero.... 😂😂😂
    Comunque figata colossale questa! È un lavoro che mi manca!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…