Passa ai contenuti principali

Cioccolata da Hanselmann

Si deve studiare, si deve ricordare l'orrore dell'olocausto. E' difficile, però! E' difficile trovare le parole. Penso che non ce la farò mai ad andare a visitare i campi di concentramento. Penso che sarà difficile trovare le parole per spiegare l'olocausto a mio figlio. Oggi mi rifuggio in questo libro, Cioccolata da Hanselmann, scritto da Rosetta Loy. Un libro che ho tanto amato e che, riuscissi a ritrovarlo, lo rileggerei molto volentieri. Ecco, forse la lettura è la modalità che preferisco per non scordare. La parola scritta ti fa riflettere, ti fa pensare, ti fa leggere altro

Commenti

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.