Passa ai contenuti principali

la scuola

Se avessi scritto questo post domenica avrei usato altre parole. Ieri ero troppo arrabbiata per scrivere e oggi mi ritrovo a tirare un po' le somme e a vedere se si riesce a prendere una decisione sensata e che non faccia troppo male. Credo fortemente negli insegnanti e nella scuola pubblica, però la vorrei veramente per tutti i bambini. E' brutto sottostare a delle graduatorie. A tre anni i bambini devono andare a scuola e devono cominciare un percorso educativo e scolastico, ne hanno il diritto. Non si possono, anche potendo, tenere a casa dopo i tre anni. Per farla  breve, sennò non si capisce,  lo Gnomo non è stato ammesso alla scuola comunale dell'infanzia (siamo in attesa della graduatoria della statale...). Noi come genitori la nostra scelta educativa l'abbiamo fatta: lo Gnomo deve andare a scuola e per noi la scuola è pubblica. Peccato che sia la scuola a non volere noi. E se lo Gnomo non viene ripescato in graduatoria che si fa? Rimane a casa?  Neanche per sogno, non può iniziare un percorso scolastico a 6 anni alle elementari: mi oppongo! Si cerca una scuola privata non troppo lontana da casa e valutando bene il progetto educativo che propone per i suoi alunni. In pratica si va alla ricerca di Suore illuminate con un progetto educativo chiaro e si spera nel ripescaggio della graduatoria. Però questa non è la scuola che vorrei.

Commenti

  1. mi spiace per lo Gnomo...e per voi. Spero nel ripescaggio, ma aspettando e incrociando le dita sbircia qui se hai un pò di tempo: http://miofiglioascuolanoncelomando.blogspot.com/
    è sicuramente una soluzione estrema ma ci sono mille spunti. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la dritta. Vado a controllare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.