Passa ai contenuti principali

la scuola

Se avessi scritto questo post domenica avrei usato altre parole. Ieri ero troppo arrabbiata per scrivere e oggi mi ritrovo a tirare un po' le somme e a vedere se si riesce a prendere una decisione sensata e che non faccia troppo male. Credo fortemente negli insegnanti e nella scuola pubblica, però la vorrei veramente per tutti i bambini. E' brutto sottostare a delle graduatorie. A tre anni i bambini devono andare a scuola e devono cominciare un percorso educativo e scolastico, ne hanno il diritto. Non si possono, anche potendo, tenere a casa dopo i tre anni. Per farla  breve, sennò non si capisce,  lo Gnomo non è stato ammesso alla scuola comunale dell'infanzia (siamo in attesa della graduatoria della statale...). Noi come genitori la nostra scelta educativa l'abbiamo fatta: lo Gnomo deve andare a scuola e per noi la scuola è pubblica. Peccato che sia la scuola a non volere noi. E se lo Gnomo non viene ripescato in graduatoria che si fa? Rimane a casa?  Neanche per sogno, non può iniziare un percorso scolastico a 6 anni alle elementari: mi oppongo! Si cerca una scuola privata non troppo lontana da casa e valutando bene il progetto educativo che propone per i suoi alunni. In pratica si va alla ricerca di Suore illuminate con un progetto educativo chiaro e si spera nel ripescaggio della graduatoria. Però questa non è la scuola che vorrei.

Commenti

  1. mi spiace per lo Gnomo...e per voi. Spero nel ripescaggio, ma aspettando e incrociando le dita sbircia qui se hai un pò di tempo: http://miofiglioascuolanoncelomando.blogspot.com/
    è sicuramente una soluzione estrema ma ci sono mille spunti. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la dritta. Vado a controllare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party