Passa ai contenuti principali

una lezioncina di musica (senza nessuna pretesa)

 Ho cominciato a parlare allo Gnomo anche un po' di teoria musicale, anche se magari non capisce tutto male non gli fa starmi a sentire. Cerco di farlo raccontandogli  una favola o facendogli esempi che può capire, con parole semplici (anche se poi viene fuori una spiegazione non proprio ortodossa).
Lo Gnomo sa che i tasti bianchi della sua pianola sono note e che suonati in sequenza formano una scala.
Ieri sera, dopo avermi fatto suonare la 'caletta (come la chiama lui), mi ha chiesto "e quetti nei" (e questi neri?).
Ecco come ho fatto a spiegare a un bambino di 2 anni e mezzo cosa sono i semitoni. Non è una spiegazione del tutto corretta, chiedo perdono a chi di musica ne sa più di me, ma lo Gnomo mi è stato a sentire e questo mi basta.
Ogni tasto bianco è una nota (e fin qui ci siamo). Le note però hanno le gambine piccole e non riescono a passare subito da un tasto all'altro. Per questo hanno bisogno del tastino nero che usano come se fosse un gradino. Ci sono due note che però hanno le gambe lunghe e che non hanno bisogno del tastino nero e sono il MI e il SI.
Questa è la spiegazione che ho dato allo Gnomo e che è applicabile solo alla tastiera del piano e non a tutti gli strumenti musicali, ma pazienza!!!
Non è neanche del tutto esatta come spiegazione perchè anche tra il MI e il FA e tra il SI e il DO non c'è un tono ma sempre un mezzo tono (e quindi parlare di gamba lunga non è proprio esatto), ma allo Gnomo questa cosa delle note con le gambe lunghe e con le gambe piccole è piaciuta molto.
Poi gli ho chiesto di ridirmi quello che aveva capito e si è fatto serio serio e ha cercato di ridirmi tutto quanto e a me ha fatto tanta tenerezza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party