Passa ai contenuti principali

PEG, saponi biologici e la nostra salute

Da quando è nato lo Gnomo, e ancora di più da quando lo Gnomo ha cominciato lo svezzamento la parola d'ordine in casa nostra è stata "bio": cerchiamo di mangiare tutti in modo sano, cerchiamo di scegliere prodotti il più possibile non trattati. Anche sui saponi, da quando ho scoperto di avere vicino casa un negozio di saponi ecologici alla spina, abbiamo cominciato a stare attenti, anche se non sono prorio economici e ogni tanto non so resistere al sapone in offerta a 0.99.
Sui prodotti per l'igene personale, però, soprattutto per lo Gnomo, mi sono sempre affidata a prodotti di marca specifici per bambini, e anche abbastanza costosi. Ci siamo detti "sullo Gnomo andiamo sul sicuro". Tanto dalle etichette non si capisce niente (a meno che non si sia in possesso di una laurea specifica), la marca almeno da sicurezza.
Ecco qui il motivo di questo post, con un argomento un po' anomalo per questo blog, ma ho ritenuto che potesse essere importante condividere quello che ho scoperto questa mattina.
Finalmente con lo Gnomo a scuola io non devo passare nei negozi come una meteora e quando sono entrata nel negozio di saponi alla spina mi sono guardata un po' in torno e ho notato una linea di saponi specifici per bambini e, visto che allo Gnomo era finito il bagnoschiuma, ...

La faccio breve: a un certo punto mi chiede "hai mai controllato sull'etichetta dei saponi che usi se c'è la sigla "PEG" stai attenta che è un derivato del petrolio e più è alta la concentrazione e più è peggio". No io non faccio caso alle etichette.
Sono tornata a casa e naturalmente ho controllato tutto. Dove ho trovato la scritta PEG120 e PEG5? Naturalmente sullo shampo dello Gnomo di marca, che si vende in farmacia e che costa un occhio della testa.
Mi sa che domani ritorno al negozio di saponi ecologici ...

PS: visto che io non sono un biologo e che di mio non saprei come come spiegare che cos'è il PEG, questa è la definizione che ho trovato su eco-officine  


Commenti

  1. Grazie per l'informazione molto importante vado a controllare!

    RispondiElimina
  2. Io ho letto con la lente di ingrandimento tutte le etichette dei saponi di casa mia e di casa dei miei genitori!

    RispondiElimina
  3. grazie dell'iformazione...ora che lo so vado a controllare!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.