Passa ai contenuti principali

PEG, saponi biologici e la nostra salute

Da quando è nato lo Gnomo, e ancora di più da quando lo Gnomo ha cominciato lo svezzamento la parola d'ordine in casa nostra è stata "bio": cerchiamo di mangiare tutti in modo sano, cerchiamo di scegliere prodotti il più possibile non trattati. Anche sui saponi, da quando ho scoperto di avere vicino casa un negozio di saponi ecologici alla spina, abbiamo cominciato a stare attenti, anche se non sono prorio economici e ogni tanto non so resistere al sapone in offerta a 0.99.
Sui prodotti per l'igene personale, però, soprattutto per lo Gnomo, mi sono sempre affidata a prodotti di marca specifici per bambini, e anche abbastanza costosi. Ci siamo detti "sullo Gnomo andiamo sul sicuro". Tanto dalle etichette non si capisce niente (a meno che non si sia in possesso di una laurea specifica), la marca almeno da sicurezza.
Ecco qui il motivo di questo post, con un argomento un po' anomalo per questo blog, ma ho ritenuto che potesse essere importante condividere quello che ho scoperto questa mattina.
Finalmente con lo Gnomo a scuola io non devo passare nei negozi come una meteora e quando sono entrata nel negozio di saponi alla spina mi sono guardata un po' in torno e ho notato una linea di saponi specifici per bambini e, visto che allo Gnomo era finito il bagnoschiuma, ...

La faccio breve: a un certo punto mi chiede "hai mai controllato sull'etichetta dei saponi che usi se c'è la sigla "PEG" stai attenta che è un derivato del petrolio e più è alta la concentrazione e più è peggio". No io non faccio caso alle etichette.
Sono tornata a casa e naturalmente ho controllato tutto. Dove ho trovato la scritta PEG120 e PEG5? Naturalmente sullo shampo dello Gnomo di marca, che si vende in farmacia e che costa un occhio della testa.
Mi sa che domani ritorno al negozio di saponi ecologici ...

PS: visto che io non sono un biologo e che di mio non saprei come come spiegare che cos'è il PEG, questa è la definizione che ho trovato su eco-officine  


Commenti

  1. Grazie per l'informazione molto importante vado a controllare!

    RispondiElimina
  2. Io ho letto con la lente di ingrandimento tutte le etichette dei saponi di casa mia e di casa dei miei genitori!

    RispondiElimina
  3. grazie dell'iformazione...ora che lo so vado a controllare!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s