Passa ai contenuti principali

PEG, saponi biologici e la nostra salute

Da quando è nato lo Gnomo, e ancora di più da quando lo Gnomo ha cominciato lo svezzamento la parola d'ordine in casa nostra è stata "bio": cerchiamo di mangiare tutti in modo sano, cerchiamo di scegliere prodotti il più possibile non trattati. Anche sui saponi, da quando ho scoperto di avere vicino casa un negozio di saponi ecologici alla spina, abbiamo cominciato a stare attenti, anche se non sono prorio economici e ogni tanto non so resistere al sapone in offerta a 0.99.
Sui prodotti per l'igene personale, però, soprattutto per lo Gnomo, mi sono sempre affidata a prodotti di marca specifici per bambini, e anche abbastanza costosi. Ci siamo detti "sullo Gnomo andiamo sul sicuro". Tanto dalle etichette non si capisce niente (a meno che non si sia in possesso di una laurea specifica), la marca almeno da sicurezza.
Ecco qui il motivo di questo post, con un argomento un po' anomalo per questo blog, ma ho ritenuto che potesse essere importante condividere quello che ho scoperto questa mattina.
Finalmente con lo Gnomo a scuola io non devo passare nei negozi come una meteora e quando sono entrata nel negozio di saponi alla spina mi sono guardata un po' in torno e ho notato una linea di saponi specifici per bambini e, visto che allo Gnomo era finito il bagnoschiuma, ...

La faccio breve: a un certo punto mi chiede "hai mai controllato sull'etichetta dei saponi che usi se c'è la sigla "PEG" stai attenta che è un derivato del petrolio e più è alta la concentrazione e più è peggio". No io non faccio caso alle etichette.
Sono tornata a casa e naturalmente ho controllato tutto. Dove ho trovato la scritta PEG120 e PEG5? Naturalmente sullo shampo dello Gnomo di marca, che si vende in farmacia e che costa un occhio della testa.
Mi sa che domani ritorno al negozio di saponi ecologici ...

PS: visto che io non sono un biologo e che di mio non saprei come come spiegare che cos'è il PEG, questa è la definizione che ho trovato su eco-officine  


Commenti

  1. Grazie per l'informazione molto importante vado a controllare!

    RispondiElimina
  2. Io ho letto con la lente di ingrandimento tutte le etichette dei saponi di casa mia e di casa dei miei genitori!

    RispondiElimina
  3. grazie dell'iformazione...ora che lo so vado a controllare!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.