Passa ai contenuti principali

Caro Babbo Natale

Caro Babbo Natale,
questa è la prima letterina del mio bambino. Non fare caso a quello che ti chiede, lo so che è difficile per te esaudire le sue richieste, ma noi che cosa abbiamo fatto (di bene o di male) per avere un figlio treenne che fa queste richieste?!

Questa è la sua letterina (riporto fedelmente quello che mi ha intimato di scrivere):

"Caro Babbo Natale, ti aspetto il 24 Dicembre dopo che ho fatto la pappa. Mi raccomando sii puntuale. Io vorrei il violino, il clarinetto, la tromba e la fisarmonica e la chitarra. Poi vorrei anche il trenino di legno come quello che ho a scuola. Anche la nave dei pirati mi piace. Portami anche una piantina che io la innaffio"

Commenti

  1. che tenerezza!lui rassicura che annaffierà la sua piantina!è dolcissimo!

    RispondiElimina
  2. Sì ma ti rendi conto che vuole un violino e un clarinetto che a occhio sono più lunghi di lui e che non si trovsno giocattolo!!!

    RispondiElimina
  3. :D che peccato che neppure giocattolo si trovino...che ne dici di costruirli tu?...magari di legno, e comunque lo gnomo ha un animo sensibile e dolcissimo

    RispondiElimina
  4. Che buffi che sono i nostri bimbi a volte. :-)
    Caspita avrai un bel daffare con il futuro musicista! ciao!

    RispondiElimina
  5. ...anche in cartone (leggendo ora i commenti)
    Chitarra giocattolo c'è di sicuro, però non so se io la regalerei alla mia (un anno in più del tuo). Lei ha avuto sempre percussioni a disposizioni, per ora non chiede altro, le basteranno i concerti cui la portiamo (ha un papà sassofonista)... ciao!

    RispondiElimina
  6. ma che dolce...i miei hanno chiesto tante cose...alla fine ho deciso di scrivere con loro una letterina perchè non potevano cambiare idea ogni secondo...e allora.... cercheremo di accontentarli.....

    RispondiElimina
  7. No abbiamo provato in tutti i modi. alla fine, visto che è un anno che ci assilla abbiamo trovato un violino da feltrinelli in super-offerta (50 euro, alcuni giocattoli costano di più) e glielo daremo per il colmpleanno

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia e che tenerezza!!!!!!!! L'infanzia, l'ingenuità, la schiettezza......... cose meravigliose che troppo presto ci sfuggono
    Mi unisco ai tuoi lettori, se ne hai voglia fai un salto da me, anche se ormai sono solo una nonna con tanta nostalgia....
    Emi

    RispondiElimina
  9. Benvenuta Emi e grazie per il tuo commento. Sto cercando di imprimere nella memoria questo periodo con lo Gnomo perchè so già che sarà irripetibile. Passo a trovarti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,