Passa ai contenuti principali

arrosto di vitella al latte in pentola a pressione



Sto piano piano riemergendo dal torpore natalizio e, tralasciando una casa che chiede vendetta, ho deciso che almeno una volta a settimana mi dedicherò alla cucina e alla sperimentazione di ricette nuove.
Comincio questa settimana con questa ricetta che è piaciuta veramente a tutta la famiglia (Gnomo compreso).

Ingredienti:
  • arrosto di vitella (500 gr circa)
  • 8 dl di latte
  • 2 fettine di prosciutto cotto
  • una noce di burro
  • un cucchiaio d'olio
  • un cucchiaio di farina
Procedimento:

ho fatto sciogliere nella pentola a pressione il burro insieme al prosciutto cotto tagliato a fette e alla farina (ho aggiunto un po' d'olio altrimenti il burro brucia). Ho unito l'arrosto e l'ho fatto rosolare. Infine ho messo il latte ho chiuso la pentola a pressione e ho aspettato il fischio.

Tempo di cottura:

dal momento del fischio ho abbassato la fiamma e ho puntato il timer a 45 minuti una volta passati i quali ho spento il fuoco e ho aspettato che si freddasse.

Io di solito cucino la mattina quello che poi mangerò la sera per cui, soprattutto quando uso la pentola a pressione, una volta che spengo il fuoco mi disinteresso del contenuto della pentola fino all'ora di cena.
Comunque diciamo che, quando la pentola ha perso il vapore e si può aprire il coperchio, si può togliere l'arrosto dalla pentola e si può mettere a raffreddare. Una volta freddo si taglia e si rimette nella pentola. Se è il caso si ultimare la cottura o se c'è troppo brodo si riaccende il fuoco e si fa andare un po', altrimenti si riscalda e si mette in tavola. A me questa volta è bastato scaldarlo!
L'arrosto è stato abinato al purè di patate.

Rinnovo l'invito per il CONTEST DI CARNEVALE. Se ci riesco domani vi mostrerò uno dei regali!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…