Passa ai contenuti principali

Prima giornata mondiale della Sindrome di Down

Oggi si celebra la giornata mondiale della Sindrome di Down e io sono due giorni che penso a un modo per partecipare a questo evento...
Non mi sento autorizzata a parlare della S. d. D., perchè non ho nessuna competenza al riguardo, però un piccolo contributo lo voglio dare anche io perchè in rete ho incontrato una mamma speciale che si merita tutto l'appoggio che posso dargli.
Allora oggi ho deciso di parlare di un Ristorante di una zona popolare di Roma.
La Locanda dei Girasoli è gestito dalla cooperativa sociale I Girasoli che da anni sostiene e collabora con persone che hanno la Sindrome di Down.
Quattro giovani con Sindrome di Down lavorano in questa locanda e a me questo sembra un bel modo per celebrare questa giornata



La locanda dei girasoli è un accogliente ristorante situato in via dei Sulpici nell'antico quartiere del Quadraro. Una volta varcata la porta d'ingresso verrete colpiti dalla molteplicità dei colori che identificano in pieno l'anima e la creatività del locale; avrete la possibiltà di scegliere tra piatti tipici della cucina laziale, toscana e siciliana uniti alle nostre rivisitazioni dei piatti tipici dei paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo.
La pizza è cotta nel forno a legna e le scelte possono ricadere o sulle classiche italiane o tra le appetitose proposte della casa.
La locanda dei girasoli pone particolare attenzione sull'aspetto qualitativo dei prodotti e degli ingredienti usati. L'olio utilizzato per i condimenti è esclusivamente extra vergine di oliva, i prodotti sono di stagione e i tempi della cottura sono tesi alla perfetta conservazione delle caratteristiche dei cibi.
Infine la locanda dei girasoli tiene conto, nella composizione delle portate, delle eventuali intolleranze alimentari o restrizioni di natura etica, religiosa o sanitaria.

Commenti

  1. La mamma speciale (ma nemmeno troppo) è qui, per ringraziarti.

    Oh che bellezza se ci fossero più Locande così in giro per l'Italia..
    Mi auguro che gli spunti di questa giornata servano ad avviare tanti progetti e a fare fare fare. Ce n'è bisogno!
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi devi ringraziare!!! La locanda è proprio un bel posto. A me l'ha fatta scoprire il mio Parroco.

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party