Passa ai contenuti principali

Creare, decorare, arredare e viaggiare con i tessuti:
un porta merenda


E' con somma gioia che presento l'ultimo nato della mia macchina da cucire



Il porta merenda per la scuola dello Gnomo!
Per realizzarlo ho riciclato una tovaglia plastificata che mi si era bucata (e se c'è una cosa che non sopporto sono le tovaglie di plastica bucate!).Come fodera ho usato una stoffa di cotone.



Forse mi sono tenuta un po' larga con le misure, ma, quando ho tagliato, non avevo lo zainetto a portata di mano (sono anche andata un po' storta con le cuciture, ma per fortuna lo Gnomo non protesta!).

Senza divagare troppo, ecco qui come ho fatto.

Ho tagliato due rettangoli uguali di stoffa che  ho cucito dritto contro dritto (ho lasciato uno dei due lati corti aperto per poter girare il lavoro.


Una volta girato il rettangolo ho piegato la stoffa e cucito la tasca, con lo stesso filo ho anche ribattuto tutto il bordo a zigzag e qui sono arrivati i dolori: la stoffa plastificata scorreva male sotto la macchina da cucire e io sono andata storta con le cuciture!!!!



Ho applicato poi il velcro come chiusura








Spero così di non ritrovare schifezze spiaccicate ovunque!!!

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog



Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blogger su un argomento prestabilito. Prossimo appuntamento 15 ottobre






Commenti

  1. Il riciclo è importantissimo, da un po' tempo ormai rifletto molto prima di buttare via qualcosa, cerco sempre di capire se può avere una seconda vita. Brava te che sai cucire! :)

    RispondiElimina
  2. Che idea creativa.
    Visto che per me l'anno inizia a settembre sono passata ad augurarti buon inizio!

    RispondiElimina
  3. Che bella idea riciclosa!! brava.ciao Paola

    RispondiElimina
  4. Ciao!Che brava.....poi cucire la plastica non e' per niente semplice!!!Bellissima idea!!!Ciao Micol

    RispondiElimina
  5. complimenti per l'idea e la manualità! Anche io odio le tovaglie di plastica bucate :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti non le uso più: solo tovagliette all'americana!;-)

      Elimina
  6. belle le borse portamerenda, ne ho fatte tante anche io per le mie figlie!!!!

    ma adesso sono cresciute e non le vogliono +!!!!

    Peccato

    mi piacevano un sacco

    a presto
    Moni

    ^_^

    RispondiElimina
  7. Cucire la tovaglia di plastica non dev'essere facile quindi sei stata brava. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti è stata un'impresa perchè non scorreva sotto alla macchina!

      Elimina
  8. bel lavoro, dai!
    ma... perché non hai fatto anche l'interno plastificato?
    Proprio per evitare di avere la tasca sempre sozza...

    ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…