Passa ai contenuti principali

Un'estate da girovaga!!

Questa è stata un'estate come non succedeva da anni (da quando è comparso il primo puntino dello Gnomo nella mia pancia!).
Ci siamo riposati, ci siamo divertiti, abbiamo visto tanti posti belli e interessanti, abbiamo girato un po' l'italia senza l'incubo del " che cosa diamo da mangiare allo Gnomo" perché tanto ormai non ha più problemi neanche a mangiare un pezzo di pizza in autostrada; senza il vasino sempre pronto in macchina (come avevamo l'anno scorso); senza passeggino (perché non ci spaventa più fare camminate lunghe), ma anche con tanta tanta curiosità e tanta voglia di scoprire, di imparare e di divertirci!


Qualche cosa non siamo comunque riuscita a farla. Avremmo voluto vedere le tombe etrusche della necropoli di Tarquinia, ma con 40° C e il sole a picco abbiamo desistito!!!!

In compenso siamo stati a Sinalunga e a Cortona con una coppia di amici che hanno un bambino un po' più grande del nostro.
Lo Gnomo, in pieno loop Re Artù, girava per Cortona con la sua spada di legno dicendo a tutti (soprattutto ai turisti stranieri), che lui era Artù e che aveva tirato fuori la spada dall'incudine.



A Lucca lo Gnomo ha finalmente capito (almeno spero) perché noi grandi volevamo sempre scavare il fossato intorno al suo castello di sabbia!!! Anche a Lucca il caldo non ci ha aiutati, ma ne è valsa la pena!


E poi siamo arrivati in montagna, all'Abetone, e ci siamo goduti la pace e i rumori del bosco (quando lo Gnomo ci faceva la grazia di stare zitto e di ascoltare!).
Abbiamo imparato a riconoscere alcuni tipi di piante:



Abbiamo trovato grilli e bruchi.



Abbiamo osservato la natura in tutte le sue forme.


Anche qui non siamo riusciti a fare tutto quello che avevamo in mente, ma pazienza! Le nostre sono state comunque vacanze a misura di treenne, e questo non ci dispiace affatto!!

Ora che siamo tornati, lo Gnomo sta riprendendo possesso dei suoi spazi e dei suoi giochi, e io sto valutando nuovamente la disposizione degli oggetti in casa perché il piccoletto è arrivato a un metro di altezza e arriva facilmente un po' ovunque!!!


La scuola per noi ricomincerà il 13 e quindi fino ad allora saremo insieme vicinivicinivicini!!!

Commenti

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.