Passa ai contenuti principali

Ricicliamo i pastelli a cera: cuoricini e stelline


Rimettendo a posto la libreria dello Gnomo ho trovato una scatola piena del pastelli a cera, molti dei quali erano rotti e inutilizzabili e visto che avevo deciso di fare ordine e pulizia non potevo certo lasciarli così.
Fortuna volle che al supermercato avevo acquistato delle formine in silicone a forma di cuori e stelline!!!



Il resto del racconto lo trovate su Accidentaccio Arrivano i Bambini

Commenti

  1. Piacere di conoscerti e visitare il tuo blog!!!Arrivo da KREATTIVA!!
    http://www.fairymonnalisadolls.com/

    RispondiElimina
  2. Ma dai!!! Sai che anch'io lo faccio ogni tanto con mia figlia (che di pastelli a cera ne consuma una quantità industriale...) e ci ho scritto anche un post su "un post crativo al giorno"!!!
    Se vuoi un'altra idea per giocare con i pastelli a cera ti dedico un post questo week end! Aspettami!!!
    N.B. buon compleanno al puffetto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto il tuo post che sono curiosa!!!!

      Elimina
    2. Con un pò di ritardo (mi ero dimenticata che il week end scorso per noi che viviamo in Brianza era carnevale...e la cucciola mi ha tenuta fuori per 48 ore filate vestita da Minni!) ecco il post che ti ho promesso!
      http://angyelmade.blogspot.it/2013/02/il-riciclo-dei-pastelli-cera.html#more
      Baci
      A

      Elimina
  3. Che belli! Ne ho messi un po' da parte per fare questa cosa ma non mi decido mai. Ma dopo che li hai usati così gli stampini, puoi riutilizzarli per cucinare o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non li riutilizzerei per cucinare e comunque li avevo comprati con l'intenzione di fare dei gessi profumati.

      Elimina
  4. Che bell'effetto :)

    Spero verrai a trovarci sulle Lunch Girls :)

    A presto

    RispondiElimina
  5. Ciao!! Mi piacciono le tue creazioni! Passa da me che ho un premio da consegnarti!!!

    Http://lallettacreativa.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Arrivo da Kreattiva, e ti seguirò...adoro il riciclo!
    Bellissima quest'idea per riciclare i pastelli a cera.
    Mi permetto un consiglio: se aggiungi, in fase di scioglimento, qualche goccia di olio essenziale, diventano anche profumati.
    A presto
    Daniela

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Ti ho scoperta grazie a Kreattiva ed ora ti seguo,se ti va passa da me...
    Maa

    RispondiElimina
  8. questo pin l'avevo visto... grande!!!! bravissima tu!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.