Passa ai contenuti principali

Blogger's Got Talent: il talento di Isabella


Questo post partecipa all'evento "Blogger's got Talent" ideato da Federica Mamma Moglie Donna, Micaela Le M Cronache, Serena IdeaMamma, Valentina di Mamy Chips&Craft  e  Natalia di Tempodicottura.
Per questo, ospito il post scritto da Isabella del blog www.inviaggioconnina.blogspot.it
Buona lettura!

Da tempo adocchio i post di Federica e Micaela su “Blogger’s got talent”, mi piacerebbe partecipare, ma poi penso: ma che talento ho io? No no no, non si può fare.
Però…
Ci penso meglio, dai.
Vediamo…
Faccio un po’ di tutto, ma nulla particolarmente bene; mi occupo con molto piacere delle mie due pupette, mi informo, giro, partecipiamo insieme a molte iniziative educative e divertenti, mi piace molto cucinare ma non ho più tempo per dedicarmi… mi diletto con il fai-da-te (soprattutto per i giochi delle bambine) sono molto creativa ma non eccello in nessun campo; insomma, di tutto un po’ ma senza picchi strabilianti.
Umm … eppure ci deve essere qualcosina…
Ah, sì, ecco come ho fatto a non pensarci?
-Sono la Presidentessa degli “accumulatori” nati.
Non butto via niente, nel caso (altamente improbabile) che possa sempre servire. Quindi in casa mia potete trovare gli appunti dell’università (laureata da 15 anni) vestiti di taglie assurde (improponibili dopo 2 gravidanze) materiale da riciclo da usare creativamente con le bimbe (quandoooo?) cose in attesa di riparazione (oramai diventate vintage) varie & eventuali. Recentemente ho trovato una confezione di ceci con scadenza 2003; contando che abitiamo in questa casa dal 2007, devono essere passati indenni per almeno un paio di traslochi. Che faccio, li butto o sono come il vino che invecchiando migliora?
-Sono la Regina del Disordine.
Il punto di cui sopra, se strizzato in (forse) 50 mq, calcolando il tempo (zero) che ho per occuparmi della casa e sommando i metri cubi di cose delle bambine (vestitini/giochi/seggioloni/ammennicoli vari/scatoloni e scatoloni e scatoloni per l’alimentazione artificiale di Nina) possono rendere abbastanza l’idea (in caso non renda, clicca qui).
Ultimamente nel caos della mia casa sono spariti un mio maglione, il tappo di metallo del lavello, gli auricolari nuovi in silicone delle protesi acustiche di Nina. Sono assolutamente convinta che a tutto ciò contribuisca uno spiritello dispettoso o che ci sia qualche buco spazio-temporale per cui se nei geroglifici della Valle dei Templi troveranno Ramses II alle prese con uno strano oggetto metallico con scritto “Franke”, saprete il perché.
-Sono l’Imperatrice Universale dei Compulsivi.
Siccome cerco di mantenere una parvenza di vita “normale”nonostante Nina con le sue esigenze l’abbia completamente stravolta, le mie giornate hanno ricevuto una sferzata di ulteriore compulsività. Un esempio? Accendo il pc, apro la lavatrice, inserisco la password nel pc, vado a prendere i panni sporchi, mentre passo apro le finestre per arieggiare casa, accendo il modem, metto la roba nella lavatrice, raccolgo i Lego, apro internet, metto il detersivo nella lavatrice, metto via 2 piatti nella lavastoviglie, tolgo il latte per Nina dal frigo, inserisco la password per controllare la posta elettronica, faccio partire la lavatrice, metto l’acqua nel bollitore, apro le e-mail, metto il biberon a scaldare a bagnomaria, tiro fuori qualcosa dal freezer per pranzo, apro una mail, preparo l’aerosol, torno a controllare la temperatura del latte, preparo la medicina per Nina, metto la nana nel seggiolone, torno in cucina e faccio partire la lavastoviglie, prendo medicina e biberon, do la pappa alla Microba (che intanto si fa l’aerosol da sola) mentre controllo e rispondo alle altre e-mail, nel frattempo sul cellulare controllo i messaggi sul blog e FB, preparo la lista della spesa, mi faccio il planning della giornata …e questo è solo una piccola parte dell’inizio della giornata, escludendo asilo nido, terapie varie, giri in macchina, spesa, rientri a casa solo per 5 minuti tra un giro e l’altro per stendere la lavatrice o pranzare o scaldare il latte e le cose “normali” della vita di tutti i giorni.
Per Papà Velcro è un difetto incredibile; a me invece pare che sia un talento quello di cercare di ottimizzare al meglio lo scarso (o inesistente) tempo a disposizione, cercando di ritagliare dei momenti “liberi” (che altrimenti non ci sarebbero) per fare “altro”a cui se no avremmo dovuto rinunciare, come i corsi di musica delle bambine, le letture in libreria, i pomeriggi a giocare dagli amichetti, la piscina, le gite al mare o in montagna, le feste di compleanno e via dicendo. Tutte attività che invece siamo riusciti a mantenere nonostante le ovvie difficoltà che comporta la gestione di 2 bambine piccole di cui una disabile al 100%.
Certo, ogni tanto vado in tilt e mi scordo la spesa o la monnezza nel bagagliaio per ore, ma a quale mamma non è mai capitato, su!
Tutto ciò fa a pugni con il mio estremo bisogno di organizzazione-ordine-minimalismo, triade che fino a pochi anni fa era il mio stile di vita (oddio, l’ordine mica tanto…) ed i miei talenti erano ben diversi: l’organizzazione di lunghi viaggi fai-da-te dall' altra parte del mondo con la sfida di stare via almeno 3 settimane con il budget più basso possibile, facendo una quantità pazzesca di immersioni sub e portando via un bagaglio con il minimo indispensabile, tipo 3 t-shirts e 2 parei ( che a pensarci adesso che ci tocca spostarci con seggiolone, siringhe di ogni tipo, materasso antireflusso, apparecchio dell’aerosol e altri gadget indispensabili…. meh!).
-L’unico mio “talento” che è sopravvissuto dalla mia vita precedente, è quello riassumibile nel motto “volere è potere”: non mi è mai capitato di desiderare una cosa e non riuscire, lavorandoci su, ad ottenerla (a parte le chiappe alla Naomi Campbell, ovviamente…). Testardaggine, forza di volontà unita ad una cocciutaggine non da poco mi stanno aiutando anche in questo periodo particolare, in cui ho promesso a me stessa che avrei tirato fuori Nina dalla sua difficile situazione e devo dire che con un duro lavoro e molto impegno si vedono impensabili ampie schiarite all’orizzonte. J
Riassumendo (astenersi eventuali assistenti sociali):
‘na pazza testarda come un mulo compulsiva disordinata cronica che accumula monnezza.
Non male, eh, contando che questi sono i talenti!!!


Per continuare a seguire la caccia al post e a tutti i talenti delle partecipanti, il prossimo blog da visitare è adolesco


Commenti

  1. Io credo proprio che questo sia un super talento!!! e soprattutto uno dei più importanti

    RispondiElimina
  2. Mi sembra che il tuo talento sia la tua forza di vivere e di non piangerai addosso. Una cosa rara e ammirevole. Magari avrai anche tu i tuoi momenti di sconforto, ma in questo articolo ti ho immaginata lì affaccendata ma col sorriso.

    RispondiElimina
  3. Ti ho letta tutta d'un fiato e non ho potuto non pensare : wow che super-donna!

    RispondiElimina
  4. Saltellando di blog in blog ho trovato anche il mio post! ;-)
    Grazie CartaCanta per la tua ospitalità! E grazie anche a voi che avete letto il mio sproloquio e commentato qui e sul mio blog.
    Ora continuo la caccia agli altri talenti...

    RispondiElimina
  5. Ciao, grazie per il bellissimo post che hai scritto e che ospito da me :D! Io sono negata con tutto quello che è manuale e quindi il tuo post è il primo in assoluto del mio blog così creativo :D!
    Grazieeee :D!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per l'ospitalità! Ti vengo subito a trovare così condivido un po'!

      Elimina
  6. Giuro che se trovo il tappo del lavello da qualche parte te lo tengo da parte!
    Scherzi a parte, non mi dirai che gestire tutto questo non è opera di una donna con talento?!?!?!?
    Bravissima! Scritto molto bene e ci si sente tutto il cuore che hai!

    RispondiElimina
  7. altro che talento, tu sei super!

    RispondiElimina
  8. Posso unirmi al coro e se ti va passa sul mio post ospitato da adolesco, che diamo seguito al discorso!!! ;-)))

    RispondiElimina
  9. In questo caso il talento sono i superpoteri da supermamma!!!!

    RispondiElimina
  10. Sei speciale e ti ammiro tanto, oltre a condividere con te il fatto di essere disordinata!:-)

    RispondiElimina
  11. Beh, grazie a tutte (mi avete fatta arrossire parecchio).
    In verità il programma delle mie giornate fa acqua da tutte le parti e rimangono fuori un sacco di cose, ma sinceramente ho smesso di preoccuparmene troppo, mentre fino a non molto tempo fa mi auto-bacchettavo sulle nocche.
    Anzi, a volte quando vedo che il disordine è veramente troppo ed inizia a salirmi l'ansia...ESCO!
    Prendo le due pupette e ce ne andiamo da qualche parte a gozzovigliare :-D
    Vi ringrazio ancora per tutto il vostro affetto che traspare dai commenti: non sapete quanto bene fa sapere che ci siete!
    Un abbraccio a tutti
    Isabella aka Mamma Compulsiva

    RispondiElimina
  12. Sottoscrivo il commento che dice che sei una SUPER DONNA!!!

    RispondiElimina
  13. Mi hai fatto ridere di gioia e mi hai commossa per la tua forza e sensibilità. E' la prima volta che ti leggo, è bello incontrarti, sei grande!

    RispondiElimina
  14. Devi scrivere un libro!! O l'hai già fatto?? ...
    Tra il primo calzino nella lavatrice, la mail a metà, i piatti in tavola ma senza posate e il secondo calzino nella lavatrice?! :-)

    RispondiElimina
  15. Ahahaha,sei mitica: ho riso moltissimo!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro