Passa ai contenuti principali

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO


Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

La pasta di legno è un materiale molto interessante, sebbene poco conosciuto, che si
presta a molteplici utilizzi. Si può usare come una qualsiasi pasta modellabile per creare svariati oggetti oppure per creare dei fregi da applicare sui mobili in legno, per decorarli o valorizzarli.

Si trova in commercio già pronta, nei colorifici, nelle ferramenta o nei negozi per belle arti.
Secondo me però, la cosa bella è che si può fare in casa, con questi pochi semplici
ingredienti:
- 300 g di farina,
- 100 g di segatura,
- 100g di cemento bianco o polvere di ceramica,
- 3 cucchiai di colla vinilica,
- 1 cucchiaio di olio di semi
- 1 bicchiere di acqua calda
Ed ecco come procedere:
- Miscelare in una ciotola le tre polveri (farina, segatura, cemento bianco o polvere di
ceramica) tutte insieme.
- Sciogliere la colla e l'olio in un bicchiere di acqua calda.
- Versare il composto ottenuto nella ciotola in mezzo alle polveri e amalgamare il tutto; se necessario, aggiungere altra acqua calda.

Questo è il semplice procedimento per realizzare l'impasto, ma ci sono alcune cose da
tenere in considerazione per essere sicuri di raggiungere il risultato che si desidera ottenere.
Questo tipo di pasta è caratterizzata da un aspetto un po' "rustico". Se si utilizza la segatura così come si presenta nei comuni sacchi che si acquistano nei negozi di bricolage, avremo un impasto un po' granuloso, tipo quello che si vede nella foto sotto.


A me piace parecchio questa consistenza, ma non è molto adatta alla realizzazione di particolari molto fini.
Se le si vuole conferire maggiore raffinatezza, è consigliabile macinare la segatura nel macinacaffè, prima di impastarla, per ottenere una grana più fine. In alternativa si può raccogliere e
riciclare quella che deriva dal taglio del compensato o dei listelli del parquet.
Qualsiasi grado di granulosità abbia l'impasto che si voglia ottenere, dovrà comunque essere elastico; quindi bisogna regolare la quantità di acqua, ricordando che è sempre meglio aggiungerla poco per volta.
Se non si utilizza tutto il panetto, lo si può conservare avvolto nella pellicola, meglio se riposto in un contenitore ermetico.
Gli oggetti modellati asciugano all'aria, senza bisogno di cottura, e si possono colorare dopo l'asciugatura, dipingendoli con acquerelli o colori acrilici, o anche prima, aggiungendo piccole quantità degli stessi colori nella porzione di pasta che si intende tingere.
Proprio come il legno, dopo l'asciugatura questa pasta può essere tagliata, levigata, forata e incollata.
Inoltre è anche ottima come base per il découpage, metodo con il quale sono stati decorati i medaglioni della foto sopra e il porta-chiavi di quella sotto.


In fase di modellazione può anche essere stesa in fogli, per creare oggetti piatti, come per esempio delle cornici portafoto, oppure per rivestire oggetti tridimensionalicome ciotole, vasi o piatti. In questo caso ci sono due possibilità: può essere utilizzata come rivestimento, oppure gli stessi oggetti possono servire come sagoma sulla quale modellare la pasta. Un esempio è il porta-vaso nella foto sotto, modellato con un rotolino di pasta sopra un sostegno di plastica delle uova di Pasqua e lasciato in posizione fino alla completa asciugatura.


Una volta asciutta questa pasta è leggera e resistente, non teme l'umidità, e i manufatti durano molto a lungo senza cambiare le loro caratteristiche di consistenza e colorazione.

Commenti

  1. Grazie per avermi ospitata! =)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver scritto un post così bello!

      Elimina
  2. Intanto con questo post ho conosciuto un altro bel blog..
    Stampo la ricetta devo provare..
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Ohhhh...credo che questa pasta diventerà la mia prossima ossessione!!!!!
    Grazie di avermela fatta conoscere!!!
    Angy

    RispondiElimina
  4. Grazie Dani per la magica ricetta, e grazie alla padrona di casa per l'ospitalità! Un abbraccio ad entrambe!

    RispondiElimina
  5. Ma che meraviglia di ricetta....queste sono proprio quelle he piacciono a me!!!!!recupero il cemento e ci provo!!!Grazie mille bacioni Micol

    RispondiElimina
  6. Anche io non vedo l'ora di avere tutti gli ingredienti per mettere le mani in pasta!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao ,seguo il blog di Daniela , decoriciclo , con grande piacere e tramite lei ho scoperto il tuo bellissimo blog. Mi sono iscritta tra i tuoi followers !

    RispondiElimina
  8. muito interessante esta massa !!
    vou experimentar.
    :o)
    http://elianeapkroker.blogspot.com.br/

    RispondiElimina
  9. Fortissima, non sapevo proprio della sua esistenza. Grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…