Passa ai contenuti principali

l'uso dei bottoni: come si attaccano e come non si attaccano



Quando avevo più o meno sei anni avevo a casa della mia nonna sarta un quadratino di stoffa sulla quale io attaccavo i bottoni. Era anche divertente attaccarli perché non erano tutti uguali. C'erano quelli gioiello e quelli delle camicie, quelli rivestiti in pelle e quelli rivestiti in stoffa. Alla fine il mio pezzetto di stoffa non aveva più uno spazietto libero perché io lo avevo riempito di bottoni.



Il bottone è quel piccolo oggetto, che può variare sia per dimensione che per forma.
Solitamente si usa un bottone per tenere uniti due lembi di stoffa.
Alcune volte i bottoni sono del tutto ornamentali
Fino a qui ci siamo... ma come si attaccano i bottoni?



Si potrebbe optare per un utilizzo sfrenato della colla a caldo che renderebbe l'operazione veloce e senza troppi patemi d'animo.

Lo so, alla colla a caldo è difficile resistere (faccio molta difficoltà anche io), però, anche volendo non va sempre bene!

Possiamo usare (chiudendo un occhio) la colla a caldo se il bottone ha una funzione puramente decorativa, ma non possiamo usarla se si vogliono tenere uniti due lembi di stoffa: in questo caso il bottoni ha bisogno di essere mobile sulla stoffa. In questi casi occorre proprio usare ago e filo.

E allora come si fa?
Prima di tutto occorre scegliere il filo giusto. Il colore del filo deve essere il più possibile uguale al colore della stoffa. 
Una volta scelto il filo, prendiamo l'ago e il bottone e cominciamo....


Così si attacca un bottone piatto


Ripetiamo questo passaggio almeno quattro volte a incrocio.


Facciamo passare due volte il filo a cappio intorno al bottone e poi tagliamo il filo.

Per quanto riguarda i bottoni bombati (gioiello) procediamo così


Ripetere i passaggi 2 e 3 almeno cinque volte.

Commenti

  1. Che carino questo post! Lo condivido sulla pagina fb del mio amico Giorgio Gallavotti, (direttore del Museo del Bottone di Santarcangelo di Romagna)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la condivisione. Ora rispondo a Cartacanta che mi sembra abbia una idea limitata sul bottone in generale.
      Come si cuce va bene.

      Elimina
  2. Grazie Pollon! Grazie anche a Giorgio Gallavotti per essere passato di qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Cartacanta lo sai che i bottoni sono stati in tutti i posti del mondo ? Nei palazzi dove si decidevano i destini dei popoli; nelle carceri dove venivano martoriati i detenuti;
      IL BOTTONE E' IN GRADO DI RACCONTARE LA STORIA DELL' UMANITA'
      Il bottone non serve solo per unire due lembi di stoffa o per guarnizone. Pensa vi sono i bottoni di:
      ostentazio-comunicazione-seduzione-provocazione-erotico-gossip-lutto-cotrabbandiere-superstizione e poi quello virtuale e psicologico dei rapporti fra uomini e donne.
      Per saperne di più fa un saltino al Museo aperto tutti i giorni dal martedì alla domenica 10-12 15-18 e fra poco anche la sera 21-23.30 Ingresso e guida gratuita.
      Ciao il tuo post è veramente carino e simpatico.

      Elimina
    2. Grazie per le precisazioni! Se abitassi vicino a Santarcangelo verrei di sicuro a visitare il Museo, ma da Roma è un po' distante!!
      I bottoni a cui faccio riferimento io sono quelli di uso comune, quelli delle camicie e dei cappotti.

      Elimina
  3. Interessante questo corso semi-serio di cucito. Alla prossima lezione! =)
    Daniela

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.