Passa ai contenuti principali

l'uso dei bottoni: come si attaccano e come non si attaccano



Quando avevo più o meno sei anni avevo a casa della mia nonna sarta un quadratino di stoffa sulla quale io attaccavo i bottoni. Era anche divertente attaccarli perché non erano tutti uguali. C'erano quelli gioiello e quelli delle camicie, quelli rivestiti in pelle e quelli rivestiti in stoffa. Alla fine il mio pezzetto di stoffa non aveva più uno spazietto libero perché io lo avevo riempito di bottoni.



Il bottone è quel piccolo oggetto, che può variare sia per dimensione che per forma.
Solitamente si usa un bottone per tenere uniti due lembi di stoffa.
Alcune volte i bottoni sono del tutto ornamentali
Fino a qui ci siamo... ma come si attaccano i bottoni?



Si potrebbe optare per un utilizzo sfrenato della colla a caldo che renderebbe l'operazione veloce e senza troppi patemi d'animo.

Lo so, alla colla a caldo è difficile resistere (faccio molta difficoltà anche io), però, anche volendo non va sempre bene!

Possiamo usare (chiudendo un occhio) la colla a caldo se il bottone ha una funzione puramente decorativa, ma non possiamo usarla se si vogliono tenere uniti due lembi di stoffa: in questo caso il bottoni ha bisogno di essere mobile sulla stoffa. In questi casi occorre proprio usare ago e filo.

E allora come si fa?
Prima di tutto occorre scegliere il filo giusto. Il colore del filo deve essere il più possibile uguale al colore della stoffa. 
Una volta scelto il filo, prendiamo l'ago e il bottone e cominciamo....


Così si attacca un bottone piatto


Ripetiamo questo passaggio almeno quattro volte a incrocio.


Facciamo passare due volte il filo a cappio intorno al bottone e poi tagliamo il filo.

Per quanto riguarda i bottoni bombati (gioiello) procediamo così


Ripetere i passaggi 2 e 3 almeno cinque volte.

Commenti

  1. Che carino questo post! Lo condivido sulla pagina fb del mio amico Giorgio Gallavotti, (direttore del Museo del Bottone di Santarcangelo di Romagna)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la condivisione. Ora rispondo a Cartacanta che mi sembra abbia una idea limitata sul bottone in generale.
      Come si cuce va bene.

      Elimina
  2. Grazie Pollon! Grazie anche a Giorgio Gallavotti per essere passato di qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Cartacanta lo sai che i bottoni sono stati in tutti i posti del mondo ? Nei palazzi dove si decidevano i destini dei popoli; nelle carceri dove venivano martoriati i detenuti;
      IL BOTTONE E' IN GRADO DI RACCONTARE LA STORIA DELL' UMANITA'
      Il bottone non serve solo per unire due lembi di stoffa o per guarnizone. Pensa vi sono i bottoni di:
      ostentazio-comunicazione-seduzione-provocazione-erotico-gossip-lutto-cotrabbandiere-superstizione e poi quello virtuale e psicologico dei rapporti fra uomini e donne.
      Per saperne di più fa un saltino al Museo aperto tutti i giorni dal martedì alla domenica 10-12 15-18 e fra poco anche la sera 21-23.30 Ingresso e guida gratuita.
      Ciao il tuo post è veramente carino e simpatico.

      Elimina
    2. Grazie per le precisazioni! Se abitassi vicino a Santarcangelo verrei di sicuro a visitare il Museo, ma da Roma è un po' distante!!
      I bottoni a cui faccio riferimento io sono quelli di uso comune, quelli delle camicie e dei cappotti.

      Elimina
  3. Interessante questo corso semi-serio di cucito. Alla prossima lezione! =)
    Daniela

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.