Passa ai contenuti principali

Candela fatta in casa utilizzando una vecchia candela e una tazzina di caffè


Per caso, mettendo a posto i Giocattoli dello Gnomo è saltata fuori una vecchia candela rossa, rotta e non più utilizzabile in quella forma.
Sempre per caso, girovagando su Pinterest, qualche tempo fa avevo trovato questo post sul blog College life Diy.

Non è che a me manchino servizi non più integri e tazze spaiate. Avevo giusto una tazzina da caffè singola orfana delle sue cinque sorelle.

Non potevo non mettermi all'opera.

Materiale occorrente per questo progetto:




  • una candela
  • una tazzina da caffè
  • un pentolino con dell'acqua dentro
  • un vasetto di vetro
  • due stuzzicadenti
Per prima cosa bisogna grattugiare la candela e recuperare il filo cerato, che ci servirà poi per la realizzazione della nuova candela.
Mettiamo la candela grattugiata in un barattolo di vetro (io ho usato un vecchio barattolo d conserva così alla fine l'ho buttato senza rimpianto) e facciamola sciogliere a bagnomaria. 


Intanto che la candela torna a essere cera liquida occupiamoci del filo cerato e della tazzina.

Tagliamo il filo a misura e blocchiamolo tra due stuzzicadenti. adagiamo poi i due stuzzicadenti sopra la tazzina.



Intanto la cera si sarà sciolta e potremo versarla nella tazzina facendo attenzione a far rimanere al centro lo stoppino.



Lasciamo solidificare.

Ora però vorrei parlare degli errori che ho commesso e che non rifarò la prossima volta!
  1. Non ho utilizzato tutta la candela perché mi sembrava troppa. Errore: una candela sciolta riempie una tazzina di caffè.
  2. Ho inserito qualche goccia di essenza profumata mentre la cera si stava solidificando. Errore: le gocce di olio essenziale (ma anche di acqua) fanno solidificare la cera in modo irregolare.
Con questo post partecipo al 

Commenti

  1. Ottimo post! Lo terrò sicuramente in memoria, tazzine orfane e avanzi di candela ce ne sono sempre da recuperare! Grazie anche per aver inserito gli errori, sono utilissimi!
    Un saluto :-) CK

    RispondiElimina
  2. Mi sto già mettendo avanti per la preparazione dei regali di Natale! Mi sarei mangiata le mani quando ho visto, mentre mettevo le gocce di essenza, che la cera si rapprendeva a chiazze!

    RispondiElimina
  3. Eh si , quello di mettere dell'olio essenziale è un errorino che ho fatto anch'io un po' di anni fa quando ero nel "periodo candele ". Ma l'esperienza serve anche a questo ,no ? Nelle tazzine non le ho mai fatte e mi hai dato un'ottima idea ! Un bacione e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora che so che hai attraversato il periodo candele posso fruttare la notizia per chiarirmi tutti i dubbi che ho :-)

      Elimina
  4. E anche questa la metto in TO DO LIST ;)

    RispondiElimina
  5. ;-) poi voglio vedere i risultati. Intanto io cerco di affinare la tecnica.

    RispondiElimina
  6. Grazie per aver partecipato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna hai avuto una bellissima idea, sono stata molto contenta di partecipare!!!

      Elimina
  7. Ciao ho partecipato al link party di anna quindi ne ho approfittato per farti un salutino, quante novità ho trovato sul tuo blog a presto rosa di kreattiva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, vado subito a curiosare cosa hai lasciato da Anna. La novità più grande deve ancora arrivare... ci sto lavorando in questi giorni!!!

      Elimina
  8. Bella idea! E grazie per il suggerimento sull'olio essenziale, anch'io ad intuito avrei pensato di aggiungerlo mentre la cera si solidifica, non pensavo che potesse dare problemi con la solidificazione. Sbagliando si impara! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roby! Se non si prova mai non si sbaglia mai ;)

      Elimina
  9. Ciao, partecipo anche io al linky party di Annucola e sono passata a curiosare! Grazie per il tuo tutorial, ho un sacco di pezzi di candele da parte che non ho ancora usato e spero di farlo a breve con il tuo tutorial! Dani

    RispondiElimina
  10. troppo simpatica la tua candela :D :D
    e ammetto che anche io mi cimento in tali "casini": i miei vecchi e singoli flute sono diventati tutti delle bellissime candele ;D :D

    un bacio
    manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso che mi ci fai pensare, anche io ho dei bicchierini da liquore a forma di mini flute (naturalmente singoli) da poter riutilizzare ;)

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro