Passa ai contenuti principali

Sliding Doors

Un film di Peter Howitt. che non sono mai riuscita a farmi piacere. Occasioni perse, vite parallele... argomenti che mi lasciano sempre un po' perplessa.


Non credo alla storia che quando si chiude una porta si apre un portone. Per me c'è una porta chiusa ... magari c'è una finestra con qualche spiffero, ma poi sta a noi cercare di aprirla del tutto.


Ognuno è artefice del proprio destino. La strada può essere più o meno in salita, ma siamo noi a doverla costruire prendendo e facendo tesoro di tutti i si e di tutti i no che ci vengono dati.

Sono rigida e drastica? Forse sì, ma sono fatta così.

E poi a me le porte scorrevoli non sono mai piaciute. Chi ne regola l'apertura? E se poi si chiudono mentre io sto passando e finisce che mi schiacciano? Ecco, son partita con lo scrivere un post filosofico e finisco per scrivere immagini splatter.

Non corro verso metropolitane che stanno per partire. Preferisco rallentare e guardarmi intorno senza fretta e senza rimpianti.

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blogger su un argomento prestabilito. Prossimo appuntamento 15 agosto








 

Commenti

  1. Veramente? A parte il film, credo che la vita in genere sia cosi.
    Buona settimana. NI

    RispondiElimina
  2. Ecco, a volte vorrei essere razionale come te. E il film infatti mi è piaciuto molto. Per questo adoro la staffetta, non ci sono mai opinioni prevedibili o scontate :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Tinella. E' bello leggere storie diverse che però hanno un titolo in comune.

      Elimina
  3. Quando si chiude una porta si apre un portone. Così si dice ,non so se sempre sia così , almeno per me non lo è stato , ma a volte bisogna credere un po'...... Un bacione e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Sai che anche io la penso come te? non penso che la nostra strada sia predeterminata ma che siamo noi a fare il nostro destino!

    RispondiElimina
  5. Senza fretta e senza rimpianti, bello il tuo modo di approcciare la vita.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  6. sicuro che siamo noi artefici del nostro destino io ci credo molto a questa cosa. Siamo noi che regoliamo i nostri pensieri le nostre azioni...bel post ciao ciao

    RispondiElimina
  7. il presente e il futuro sono nelle nostre mani, il finale del mio post :)

    RispondiElimina
  8. Un post fuori dal coro :-) bello!

    RispondiElimina
  9. Sai che non sentivo da tanto la frase che mi sono ripetuta per tutta l'adolescenza?parlo di: "ognuno è artefice del proprio destino". Bisognerebbe rimetterla al centro senza lasciare troppo al caso come succede ultimamente nel sentire generale.

    RispondiElimina
  10. Sarà che io non mi sono ancora ripresa dall' adolescenza.

    RispondiElimina
  11. Appena ho iniziato a leggerti ho pensato: "ecco qui un post agli antipodi del mio", ma poi c'è quel "ognuno è artefice del proprio destino", ci ho riflettuto un attimo e i nostri due post mi sembrano molto più simili di quanto mi siano apparsi a prima vista
    in bocca al lupo per tutto

    RispondiElimina
  12. beh si e no.... sarebbe bello poter pensare che la vita dipenda totalmente da noi, da quello che siamo in grado di fare... e per un giorno voglio proprio pensare che possa essere così!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per