Passa ai contenuti principali

Sliding Doors

Un film di Peter Howitt. che non sono mai riuscita a farmi piacere. Occasioni perse, vite parallele... argomenti che mi lasciano sempre un po' perplessa.


Non credo alla storia che quando si chiude una porta si apre un portone. Per me c'è una porta chiusa ... magari c'è una finestra con qualche spiffero, ma poi sta a noi cercare di aprirla del tutto.


Ognuno è artefice del proprio destino. La strada può essere più o meno in salita, ma siamo noi a doverla costruire prendendo e facendo tesoro di tutti i si e di tutti i no che ci vengono dati.

Sono rigida e drastica? Forse sì, ma sono fatta così.

E poi a me le porte scorrevoli non sono mai piaciute. Chi ne regola l'apertura? E se poi si chiudono mentre io sto passando e finisce che mi schiacciano? Ecco, son partita con lo scrivere un post filosofico e finisco per scrivere immagini splatter.

Non corro verso metropolitane che stanno per partire. Preferisco rallentare e guardarmi intorno senza fretta e senza rimpianti.

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blogger su un argomento prestabilito. Prossimo appuntamento 15 agosto








 

Commenti

  1. Veramente? A parte il film, credo che la vita in genere sia cosi.
    Buona settimana. NI

    RispondiElimina
  2. Ecco, a volte vorrei essere razionale come te. E il film infatti mi è piaciuto molto. Per questo adoro la staffetta, non ci sono mai opinioni prevedibili o scontate :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Tinella. E' bello leggere storie diverse che però hanno un titolo in comune.

      Elimina
  3. Quando si chiude una porta si apre un portone. Così si dice ,non so se sempre sia così , almeno per me non lo è stato , ma a volte bisogna credere un po'...... Un bacione e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Sai che anche io la penso come te? non penso che la nostra strada sia predeterminata ma che siamo noi a fare il nostro destino!

    RispondiElimina
  5. Senza fretta e senza rimpianti, bello il tuo modo di approcciare la vita.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  6. sicuro che siamo noi artefici del nostro destino io ci credo molto a questa cosa. Siamo noi che regoliamo i nostri pensieri le nostre azioni...bel post ciao ciao

    RispondiElimina
  7. il presente e il futuro sono nelle nostre mani, il finale del mio post :)

    RispondiElimina
  8. Un post fuori dal coro :-) bello!

    RispondiElimina
  9. Sai che non sentivo da tanto la frase che mi sono ripetuta per tutta l'adolescenza?parlo di: "ognuno è artefice del proprio destino". Bisognerebbe rimetterla al centro senza lasciare troppo al caso come succede ultimamente nel sentire generale.

    RispondiElimina
  10. Sarà che io non mi sono ancora ripresa dall' adolescenza.

    RispondiElimina
  11. Appena ho iniziato a leggerti ho pensato: "ecco qui un post agli antipodi del mio", ma poi c'è quel "ognuno è artefice del proprio destino", ci ho riflettuto un attimo e i nostri due post mi sembrano molto più simili di quanto mi siano apparsi a prima vista
    in bocca al lupo per tutto

    RispondiElimina
  12. beh si e no.... sarebbe bello poter pensare che la vita dipenda totalmente da noi, da quello che siamo in grado di fare... e per un giorno voglio proprio pensare che possa essere così!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.