Passa ai contenuti principali

Preparativi per il rientro a scuola


Lo zaino è pronto. Ho dovuto penare per convincere lo Gnomo a portare uno zaino nuovo anziché quello vecchio, macchiato e bucato, ma ci sono riuscita. La sacca con il cambio per gli incidenti è pronta. Manca solo un porta merenda nuovo.

L'anno scorso l'ho cucito un porta merenda usando una pezzo di tovaglia plastificata.

In questi giorni, però non avevo né la voglia né il tempo di mettermi a cucire. Allora ho cominciato a guardarmi in giro. Il mio occhio è caduto su una vaschetta di plastica che avevo preso al supermercato con i pomodori dentro e che avevo tenuto da parte: perfetta al mio scopo sia per forma che per dimensioni.

Trovata la materia prima, il lavoro è stato veramente veloce.

Materiali occorrenti:

  • vaschetta di plastica
  • foglio di gomma crepla
  • colla a caldo
  • penna a sfera

Ho disegnato sul foglio di gomma crepla una nuvoletta e ho scritto al suo interno la parola "merenda". Ho ritagliato la nuvoletta e l'ho attaccata alla vaschetta di plastica con la colla a caldo.
Ho messo nella vaschetta la tovaglietta, il bicchiere e la merenda e ho sistemato tutto nello zainetto.


Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento il 15 ottobre


Commenti

  1. Che bel modo di riciclare le vaschette usa e getta dei supermercati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho deciso di non buttare più i contenitori del supermercato (evitare di prenderli è praticamente impossibile) e quindi sto cerando di dare loro nuova vita.

      Elimina
  2. Bello, utile e veloce.
    Complimenti
    Ciao

    Norma

    RispondiElimina
  3. Bella idea, invece di comprare sempre a volte basta guardarsi attorno!

    RispondiElimina
  4. che brava! A volte basta proprio un po' di inventiva.. et voilà!

    RispondiElimina
  5. Grazie! Poi è veramente un lavoro velocissimo.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.