Passa ai contenuti principali

Castello stregato


Un altro progetto per Halloween, ma anche un modo per creare ambientazioni con materiali che facilmente troviamo in casa. 

A Halloween non possono mancare fantasmi, ragni, zucche e  castelli. Noi avevamo proprio bisogno di un castello.

Ecco cosa abbiamo usato per costruire il nostri castello stregato:

  • una scatola di scarpe dello Gnomo (ho fatto le prove con le scatole di scarpe degli adulti e sono troppo grandi)
  • quattro rotoli di cartone (vanno bene quelli della carta da cucina)
  • una confezione del latte 
  • colori acrilici e pennarello indelebile
  • cartoncino nero
  • nastro adesivo di carta
Per fissare le torri alla scatola di scarpe ho fatto due tagli ai rotoli di cartone in modo da imprigionare gli angoli della scatola dentro al rotolo.

Abbiamo poi rivestito la scatola con il nastro adesivo di carta e abbiamo dipinto con i colori acrilici.

Una volta asciutto il colore, abbiamo disegnato i particolari con il pennarello indelebile.

E' stato un lavorone durato tre giorni, ma il risultato c'è piaciuto molto.

Senza farlo a posta è un castello a misura di puffi (siamo entrati nel vortice e non vedo l'ora di uscirne!!!) e per questo lo Gnomo è ancora più contento!!!!!


Commenti

  1. grazie per la partecipazione al nostro Halloween Contest con questo bellissimo progetto, se vuoi includo anche il fantasmino, è delizioso!

    RispondiElimina
  2. Forte il vostro castello! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  3. Molto bello! Ma l'argento è un colore acrilico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sul barattolo c'è scritto "colore acrilico extrafine"

      Elimina
  4. Ciao, ho il piacere di conoscere il tuo blog e mi unisco ai tuoi follower!
    Passa a ricambiare al mio blog, per me significa tanto. Il mio blog è stato creato per far conoscere un'interessante iniziativa, ma ha bisogno di sostegno ;)
    Vieni a scoprirla e dammi il tuo sostegno diventando follower, grazie, ti aspetto! (✿◠‿◠)
    http://matrimonioconsponsorcalabria.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rachele, sono passata da voi e ho ricambiato. La vostra è un'idea abbastanza folle ;) vi seguo con piacere!

      Elimina
    2. Abbastanza folle .... sei diplomatica!!!

      Elimina
  5. Troppo bello , un' idea riciclosa e divertente per mettere al lavoro la fantasia dei bambini nel creare diverse ambientazioni .. Bravissima !!!!

    RispondiElimina
  6. Ma che forte! Ho idea che lo copierò. Mi è stato richiesto un castello proprio ieri. Pure la lista dei materiali mi ha fatto!!! Ma vuole il ponte levatoio!!!! Della serie "ho le idee chiare".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche mio figlio voleva il ponte levatoio poi si è accontentato della porta!

      Elimina
  7. Arrivo qui dal cocco della blogger...adoro quella rubrica mi ha fatto conoscere tanti post interessanti come questo! In una delle domeniche invernali, copio l'idea!

    RispondiElimina
  8. c'ho tutto: sabato pomeriggio abbiamo un lavoretto da fare per far passare il pomeriggio, la domenica, come minimo! Se tu c'hai messo tre giorni a me ne occorrerranno di più!
    ti faccio sapere del risultato, e grazie di aver partecipato al cocco della blogger!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai con tre giorni te la cavi! Uno per assemblare i pezzi, uno per colorare, uno per i dettagli!

      Elimina
  9. ciao ma che bel castello stregato,arrivo dal link party di malanotte no e ti faccio i complimenti per il blog,divento tua follower se ti va passa da me su www.cucinaconimma.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Immacolata, benvenuta! Vengo subito a trovarti!!!

      Elimina
  10. Che bello, complimenti per la tua creatività

    RispondiElimina
  11. Grazie! Aspetto le tue idee per l'appuntamento di martedì "Giocando con Mamma e Papà"

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt