Passa ai contenuti principali

Guest Post: kukuruz lover

Sono lieta di presentarvi il blog di Marika Dai trenta in poi. Vi lascio alla lettura del suo post e alla sua personalissima tecnica.

Ciao a tutti,
è la prima volta che un post [Natur Art] viene ospitato in un blog, che bello!

[NaturArt] nasce dal fatto che “a volte le cose più semplici sono anche le più belle”, quindi la mia intenzione è quella di raccogliere sotto questa etichetta tutti i lavoretti che con i miei bimbi faccio o che fanno loro utilizzando la prima cosa “naturale” che ci capita e nel modo più semplice possibile.


Con i bambini tutto è scoperta e avventura, da un sasso, da un legnetto, da una patata,… insomma dalle cose più semplici che ci troviamo intorno, si riesce a creare qualcosa che ci fa divertire, ci fa condividere momenti, ci fa scoprire il mondo, ci fa sorridere, ci fa stare bene.

Premessa finita, e quindi….
Questa estate in Croazia il Capo, all’alba dei suoi cinque anni, ha scoperto una grande passione: i Kukuruz
No, non sono mostri dei videogames o cugini dei Gormiti…
Kukuruz è la parola serbo-croata che significa pannocchia di mais.
In spiaggia passava il carrettino con le pannocchie bollite, imburrate e salate…
Mais Kukuruz, Mais !!”.
A casa ovviamente appena le ha viste al supermercato me le ha fatte comprare e così, piena di Kukuruz nel frigo, ho deciso di provarne un uso alternativo….
Ed ecco qui, come recuperare una magliettina anonima in pochi minuti…




E’ talmente banale che ho poco da spiegare, solo qualche accorgimento…
Sul tessuto elastico come quello delle magliettine di cotone, i colori per stoffa danno la resa migliore, quindi vi consiglio un po’ di colore per tessuti al posto degli acrilici ad acqua.
Per tenere ben tesa la maglietta, infilateci dentro un tagliere da cucina, la stampa viene più precisa.
Per le scritte ci sono le mascherine in alternativa ai pennarelli per stoffa.





Tutto qui.
Mi sa che me ne farò una anche per me….
Enjoy your [Kukuruz Lover] T-shirt !!

DaiTrentaInPoi

Commenti

  1. Sarà anche semplice.... ma è geniale! Un effetto bellissimo, che mi ricorda le lucine di un equalizzatore (si chiama così?) =)
    Daniela

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissima questa idea! E bellissimo il risultato!!!!!!!
    Mi piace davvero un sacco! BRAVA!
    Un abbraccio,
    Sharon

    RispondiElimina
  3. io domani, quasi quasi una pannocchia me la compro ;)

    RispondiElimina
  4. Idea fantastica! Mi piace tantissimo lavorare con prodotti naturali.
    Ti auguro una piacevole giornata...
    Un abbraccio....

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte e scusate se rispondo solo ora...ottobre dai mille colori e dai mille e uno impegni...se riesco questo weekend metto sul mio blog anche le foto di un cuscino con lo stesso stile kukuruz! ! Grazie ancora ad accidentaccio che mi ha ospitato :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party