Passa ai contenuti principali

Guest Post: kukuruz lover

Sono lieta di presentarvi il blog di Marika Dai trenta in poi. Vi lascio alla lettura del suo post e alla sua personalissima tecnica.

Ciao a tutti,
è la prima volta che un post [Natur Art] viene ospitato in un blog, che bello!

[NaturArt] nasce dal fatto che “a volte le cose più semplici sono anche le più belle”, quindi la mia intenzione è quella di raccogliere sotto questa etichetta tutti i lavoretti che con i miei bimbi faccio o che fanno loro utilizzando la prima cosa “naturale” che ci capita e nel modo più semplice possibile.


Con i bambini tutto è scoperta e avventura, da un sasso, da un legnetto, da una patata,… insomma dalle cose più semplici che ci troviamo intorno, si riesce a creare qualcosa che ci fa divertire, ci fa condividere momenti, ci fa scoprire il mondo, ci fa sorridere, ci fa stare bene.

Premessa finita, e quindi….
Questa estate in Croazia il Capo, all’alba dei suoi cinque anni, ha scoperto una grande passione: i Kukuruz
No, non sono mostri dei videogames o cugini dei Gormiti…
Kukuruz è la parola serbo-croata che significa pannocchia di mais.
In spiaggia passava il carrettino con le pannocchie bollite, imburrate e salate…
Mais Kukuruz, Mais !!”.
A casa ovviamente appena le ha viste al supermercato me le ha fatte comprare e così, piena di Kukuruz nel frigo, ho deciso di provarne un uso alternativo….
Ed ecco qui, come recuperare una magliettina anonima in pochi minuti…




E’ talmente banale che ho poco da spiegare, solo qualche accorgimento…
Sul tessuto elastico come quello delle magliettine di cotone, i colori per stoffa danno la resa migliore, quindi vi consiglio un po’ di colore per tessuti al posto degli acrilici ad acqua.
Per tenere ben tesa la maglietta, infilateci dentro un tagliere da cucina, la stampa viene più precisa.
Per le scritte ci sono le mascherine in alternativa ai pennarelli per stoffa.





Tutto qui.
Mi sa che me ne farò una anche per me….
Enjoy your [Kukuruz Lover] T-shirt !!

DaiTrentaInPoi

Commenti

  1. Sarà anche semplice.... ma è geniale! Un effetto bellissimo, che mi ricorda le lucine di un equalizzatore (si chiama così?) =)
    Daniela

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissima questa idea! E bellissimo il risultato!!!!!!!
    Mi piace davvero un sacco! BRAVA!
    Un abbraccio,
    Sharon

    RispondiElimina
  3. io domani, quasi quasi una pannocchia me la compro ;)

    RispondiElimina
  4. Idea fantastica! Mi piace tantissimo lavorare con prodotti naturali.
    Ti auguro una piacevole giornata...
    Un abbraccio....

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte e scusate se rispondo solo ora...ottobre dai mille colori e dai mille e uno impegni...se riesco questo weekend metto sul mio blog anche le foto di un cuscino con lo stesso stile kukuruz! ! Grazie ancora ad accidentaccio che mi ha ospitato :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.