Passa ai contenuti principali

Di favole e travestimenti


Concediamoci un po’ di tempo con i bambini non solo per giocare con i giocattoli convenzionali.
Parliamo con loro, giochiamo insieme e proviamo a inventare delle storie storie. 

Da oggi per i prossimi martedì divento piccola scrivana e vi faccio partecipi di una storia inventata dallo Gnomo.
Alla fine di ogni capitolo della storia c’è un gioco realizzato da me che coinvolge tutta la famiglia.

Dopo questa doverosa premessa vi lascio al racconto dello Gnomo.

<<C’era una volta un Coraggioso Esploratore . Stava con la sua Selvaggia Mamma.

Un giorno il Coraggioso Esploratore  si incamminò nella giungla e cammina cammina dopo un po’ incontrò il Papà Gigante molto buono. Il Papà Gigante viveva sulle nuvole e ripuliva le uova d’oro della sua gallina.
Dopo scendeva nel bosco con la pianta del fagiolo magico.

Il Coraggioso esploratore e il Gigante si incamminarono nella giungla e incontrarono un Mostro. Dopo una lunga battaglia sconfissero il Mostro. Tornarono a casa e vissero tutti felici e contenti.>>

Questo è il piccolo capitolo della favola dello Gnomo. Ora, come tutti i primi capitoli dei libri che si rispettano, dobbiamo conoscere i personaggi. 
Quale miglior modo per conoscerli se non quello di giocare ai travestimenti?

Per questo gioco  non servono molte cose.  Basta attingere dalla nostra fantasia e dalla cesta magica!

Nella nostra cesta abbiamo messo cappelli colorati con la visiera (perché basta un colore diverso di un cappello per impersonare un personaggio piuttosto che un altro), un mantello, un gilet e qualche cinta, un binoco. Basta aggiungere poi qualche accessorio come una piccola torcia, un fischietto e un binocolo di cartone, un uncino di plastica e la cesta è completa.

Se per la Selvaggia Mamma è bastato un mollettone fra i capelli (non avrete mai una mia foto!) e per il Gigante Buono Papà non è servito alcun tipo di travestimento, lo Gnomo invece ha attinto a piene mani dalla cesta.

Questa è la sua uniforme da Coraggioso Esploratore.


Così vestito, ci ha raccontato il resto della storia.
Curiosi?
Tornate qui martedì prossimo.




Commenti

  1. Ne ha tantissima! La prossima settimana ci sarà una storia bellissima con, in allegato un bellissimo gioco!

    RispondiElimina
  2. Certo che come compagna di avventura lascio abbastanza a desiderare! Solo una settimana per lasciare un commento!!!! In verità ho letto subito, ma con il cellulare e poi .... poi una volta tornata, me ne sono dimenticataaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Certo che la cesta magica, dove attingere a piene mani, ha sempre il su fascino! E i travestimenti anche. Brava. Cosa ci riservi per domani?

    RispondiElimina
  3. Ciao Barbara, ho letto il post di Federica sui Lego. Ora leggo qui che anche tu ti sei divertita col tuo bimbo con travestimenti e frugando nella cesta magica...
    Ricordi belli!!!
    Maris

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.