Passa ai contenuti principali

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.


Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.


Chi ancora non ha letto questo libro deve correre ai ripari! 

A noi è piaciuto molto e si presta anche molto alla rielaborazione e al gioco
Qui trovate il gioco di Federica e del suo bambino. 
Qui trovate l'esperienza di Dada Pasticciona.

Faccio un piccolo riassunto del libro, per chi non lo avesse letto.

Pezzettino è così piccolo che crede di essere il pezzo mancante di qualcun altro. Nel cercare la sua identità chiede ai suoi amici se, per caso, non è un loro pezzo. Alla fine della ricerca scopre di non essere un pezzo mancante ma di essere egli stesso un individuo.

Dopo questa doverosa premessa vi presento:

quello che corre veloce

quello forte


quello che nuota bene

quello che vola

quello che scala le montagne

il vecchio saggio


Nel costruire i personaggi abbiamo notato che i colori si ripetevano, ma comunque ogni personaggio aveva una peculiarità. Per esempio, nel Vecchio Saggio predominano i mattoncini scuri come il grigio e il nero. Nel personaggio che nuota bene i colori predominanti sono il celeste e il verde, mentre in quello che vola il colore è l'arancione.

Eccoli qui tutti quanti insieme a Pezzettino.


Abbiamo usato i nostri personaggi tridimensionali per raccontare nuovamente la storia a due voci un po' ricordandoci le parole del libro e un po' inventando!

 “Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina” 



Commenti

  1. I mattoncini di mais sono il prossimo acquisto che devo fare per il mio cucciolo. Mi piace molto l'idea che avete avuto di ricreare i personaggi di un libro: lo prenderò come spunto! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Quei mattoncini sono fantastici, e voi ne avete fatto un ottimo uso. =)
    Io non ho letto quel libro, ma trovo che il suo messaggio sia molto bello e importante.
    Daniela

    RispondiElimina
  3. che dire, semplicemente artistico e bellissimo!

    RispondiElimina
  4. Noi ci siamo divertiti tanto e abbiamo passato proprio un piacevole pomeriggio!

    RispondiElimina
  5. Che bello ci proveremo anche noi !!!!

    RispondiElimina
  6. Devo dire che il tuo gnomo ha ottimi gusti!

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. A furia di sceglierli per lui devo averlo un tantino influenzato!!!

      Elimina
  8. Ciao vengo dal linky party di Alex, mi piace molto il tuo post AHAHAHAHAH In effetti forse questo è l'unico post del tuo blog che non avevo ancora letto!! P.s. questo libro è nella mia listadei desideri!

    RispondiElimina
  9. Ciao Simpaticissima questa idea. Ti ho scoperto grazie al party link di Alex e ti sono venuta a salutare come è buona educazione. Se ti va vieni a salutarmi anche tu ho appena pubblicato il mio modello di Blog planner, fammi sapere che ne pensi http://lecosedimysa.blogspot.com/2014/01/progetto-il-mio-blog-planner.html

    RispondiElimina
  10. Bella idea davvero e la storia coinvolge anche me che sono cresciutella.

    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per leggere le belle storie non esistono limiti di età :)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.