Passa ai contenuti principali

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.


Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.


Chi ancora non ha letto questo libro deve correre ai ripari! 

A noi è piaciuto molto e si presta anche molto alla rielaborazione e al gioco
Qui trovate il gioco di Federica e del suo bambino. 
Qui trovate l'esperienza di Dada Pasticciona.

Faccio un piccolo riassunto del libro, per chi non lo avesse letto.

Pezzettino è così piccolo che crede di essere il pezzo mancante di qualcun altro. Nel cercare la sua identità chiede ai suoi amici se, per caso, non è un loro pezzo. Alla fine della ricerca scopre di non essere un pezzo mancante ma di essere egli stesso un individuo.

Dopo questa doverosa premessa vi presento:

quello che corre veloce

quello forte


quello che nuota bene

quello che vola

quello che scala le montagne

il vecchio saggio


Nel costruire i personaggi abbiamo notato che i colori si ripetevano, ma comunque ogni personaggio aveva una peculiarità. Per esempio, nel Vecchio Saggio predominano i mattoncini scuri come il grigio e il nero. Nel personaggio che nuota bene i colori predominanti sono il celeste e il verde, mentre in quello che vola il colore è l'arancione.

Eccoli qui tutti quanti insieme a Pezzettino.


Abbiamo usato i nostri personaggi tridimensionali per raccontare nuovamente la storia a due voci un po' ricordandoci le parole del libro e un po' inventando!

 “Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina” 



Commenti

  1. I mattoncini di mais sono il prossimo acquisto che devo fare per il mio cucciolo. Mi piace molto l'idea che avete avuto di ricreare i personaggi di un libro: lo prenderò come spunto! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Quei mattoncini sono fantastici, e voi ne avete fatto un ottimo uso. =)
    Io non ho letto quel libro, ma trovo che il suo messaggio sia molto bello e importante.
    Daniela

    RispondiElimina
  3. che dire, semplicemente artistico e bellissimo!

    RispondiElimina
  4. Noi ci siamo divertiti tanto e abbiamo passato proprio un piacevole pomeriggio!

    RispondiElimina
  5. Che bello ci proveremo anche noi !!!!

    RispondiElimina
  6. Devo dire che il tuo gnomo ha ottimi gusti!

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. A furia di sceglierli per lui devo averlo un tantino influenzato!!!

      Elimina
  8. Ciao vengo dal linky party di Alex, mi piace molto il tuo post AHAHAHAHAH In effetti forse questo è l'unico post del tuo blog che non avevo ancora letto!! P.s. questo libro è nella mia listadei desideri!

    RispondiElimina
  9. Ciao Simpaticissima questa idea. Ti ho scoperto grazie al party link di Alex e ti sono venuta a salutare come è buona educazione. Se ti va vieni a salutarmi anche tu ho appena pubblicato il mio modello di Blog planner, fammi sapere che ne pensi http://lecosedimysa.blogspot.com/2014/01/progetto-il-mio-blog-planner.html

    RispondiElimina
  10. Bella idea davvero e la storia coinvolge anche me che sono cresciutella.

    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per leggere le belle storie non esistono limiti di età :)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…