Passa ai contenuti principali

liberiamo una ricetta: uova al tegamino


Sono molto contenta di liberare anche quest'anno una ricetta.

Dopo aver consultato tutti i libri di cucina a mia disposizione ho deciso che il piatto proposto quest'anno dovesse essere un piatto che rientra nella quotidianità di casa mia.

A casa mia dal lunedì al venerdì la cena è l'unico pasto che mio marito ed io consumiamo insieme. 

La nostra organizzazione domestica prevede che sia lui a cucinare. Perché arriva prima dal lavoro e perché a lui piace stare ai fornelli (in realtà piace anche a me cucinare, ma se dovessi farlo io non riusciremo mai a mangiare prima delle 21!).

E' così che ho pensato che la ricetta quest'anno dovesse essere la SUA e non la mia. Non una cosa elaborata o un dolce, ma uova cotte in padella.

Non posso dirvi l'espressione che ha fatto mio marito quando ieri sera ho fotografato la cena preparata da lui, ma ve la potete immaginare ;)

"Cosa fai?"
"Fotografo per il blog"
"Ma ho cucinato io!!!"
"Appunto!"

Questa, su per giù è stata la nostra conversazione.
Poi abbiamo cominciato a mangiare e a parlare di altro!

Questa è la ricetta, gentilmente estorta  concessa dal consorte!

Ingredienti per 2 persone:

  • 3 uova
  • formaggio filante (in questo caso sottilette ma va bene qualsiasi formaggio che si scioglie facilmente)
  • speck (o prosciutto crudo)
  • salvia
  • olio
Si fanno cuocere le uova in una padella calda con un filo d'olio. A cottura quasi ultimata si ricoprono le uova con uno strato di formaggio e uno si speck. Poco prima di spegnere i fornelli si spolvera tutto con un po' di salvia.

Con pochi ingredienti e in poco tempo si può preparare una cena!



"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web".

Commenti

  1. Gnam gnam! Questa è un'idea da riciclare!! Grazie! ^_^

    RispondiElimina
  2. e io l' ho pinnata! e la proverò presto!
    mirò...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una venuta così male :)!!! Provala perché è una ricetta davvero gustosa!

      Elimina
  3. Gustosa! Sarà che io sono nordica, ma le uova le faccio sempre con il burro, poco però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cuoco è siciliano, non sa neanche da che parte sta di casa il burro ;) e comunque anche io lo uso quasi esclusivamente per i dolci!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.