Passa ai contenuti principali

Maschera, scherzo, aneddoto: entriamo nell'atmosfera carnevalesca!


Come si fa a non partecipare? Come si fa a dire di no alla Signora Trippando?  Non ci sono riuscita per la Tombola dell'Avvento, figuriamoci se ci riesco per Carnevale!

La lettera che scelgo è la  A e la mia maschera preferita è Arlecchino.


Perché proprio lui?
Perché mi piace la sua maschera fatta di toppe. Perché è allegro e vivace. Perché canzona i potenti e cerca di imbrogliare gli avidi e i taccagni. 

Insomma, è una maschera della Commedia dell'arte che starebbe benissimo anche nel mondo attuale, che potenti avidi e taccagni proprio non mancano!

Parliamo ora di scherzi... veramente... le mie amiche ed io non facevamo scherzi... no no no... magari solo qualche fialetta puzzolente e qualche cuscinotto spernacchiotto, noi ci mascheravamo da fate e principesse e non è decoroso per una principessa fare scherzi ;) 
Almeno non fino alle scuole elementari. Alle scuole medie, poi è stata un'altra storia fatta di schiuma da barba e di strategie per tornare a casa senza sembrare un pupazzo di neve... poi per fortuna si cresce e si capisce che la schiuma da barba serve per radersi e non per impiastricciare i giacconi delle compagne di scuola! Però a me non è mai toccata la schiuma da barba sul cappotto: avevo le amicizie giuste!

Un aneddoto legato al Carnevale?
Io, da piccola, non vedevo l'ora che arrivasse Carnevale per partecipare ai girotondi che si facevano al parco giochi. Erano dei girotondi grandissimi con tanti bambini ed era veramente uno spettacolo stare in mezzo a tanti gnometti mascherati.

Ora io mi domando: il quartiere è sempre lo stesso, il parco giochi anche, ma dove sono finiti i girotondi? Dove sono i bambini in maschera che si tirano i coriandoli? Chi a deciso di non organizzare più questi giochi collettivi (che ci vuole veramente poco a organizzare un girotondo)?

Noi quest'anno, con i compagni di scuola dello Gnomo faremo una festa in maschera, ma non in piazza, in una ludoteca... però ci faranno usare i coriandoli!!! Quasi quasi mi maschero anche io!!!


Commenti

  1. si le feste maschere quelle di una volta non esistono piu', ricordo quando ero piccola io e si festeggiava a scuola c erano 4 vestiti di numero, principessa...cow boi, fatina...pagliaccio.
    ora quando giro per i negozi ne trovo a migliaia e ogni annno bisogna per forza cambiarlo altrimenti non sei alla moda..e i coriandoli...esistono anche quelli fatti da noi...ricordo che li preparavo a scuola..e che che bello che era quando arrivava la ricreazione..

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.