Passa ai contenuti principali

Organizziamo gli spazi: la scatola degli aghi

Eccola, la mia scatola degli aghi! Sono anche un po' emozionata, visto i commenti al post di presentazione della rubrica!

Per quanto riguarda l'organizzazione della scatola degli aghi ho provato un po' di tutto!


Ho provato come fanno mia mamma e mia nonna. Ho messo tutto in una scatola di latta... fino a che il groviglio di fili non ha preso il sopravvento!

Ho provato a dividere i materiali e poi a mettere tutto in una scatola delle scarpe opportunamente rivestita con una deliziosa carta a fiorellini. Poiché alla fine avevo 2 scatole una contenente i fili e gli aghi e una contenente pinze e colla a caldo, dovevo sempre aprire le scatole per scoprirne il contenuto (scrivere sul coperchio l'ho ritenuta un'opzione inutile ;) )

Il cerchio si è chiuso con una bella scatola di plastica trasparente che mi permette di vedere in contenuto senza aprirla e che contiene tutto ciò che mi serve.

Nella scatola le cose non sono messe alla rinfusa.

Come contenitori ho usato quello che avevo in casa: barattoli di vetro e un contenitore trasparente di plastica (che ti fornisce il supermercato con i pomodori dentro)

Per la scatola degli spilli e per la scatola dei bottoni ho usato due vasetti degli omogenizzati.



Per la scatola dei fili, il contenitore di plastica trasparente.


Anche le cerniere e i nastrini sono finite in barattoli riciclati di conserve e affini.

Che dite ho superato la prima prova di organizzazione degli spazi?

Se volete seguirmi in questa avventura con i vostri link potete aggiungerli nei commenti oppure seguire #OrganizziamoGliSpazi

Commenti

  1. Io direi superata alla grande! Le scatole trasparenti sono sempre un'ottima soluzione!!

    RispondiElimina
  2. Confermo: prova superata alla grande!
    Il contenitore di tutto ciò che serve per il cucito è nel suo piccolo uno dei più grandi problemi di organizzazione degli spazi. Devo cimentarmi anche io. Se riesco a combinare qualcosa partecipo alla bellissima iniziativa.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Adoro i vasi con i bottoni, mi piacciono talmente che li uso come soprammobili! Carino il tuo blog, arrivo dal Linkparty, ti seguirò, Silvia

    RispondiElimina
  4. Approvo anche io! QUEI contenitori sono la salvezza per riordinare qualsiasi cosa. Io ne ho di varie misura in cameretta :-)

    RispondiElimina
  5. DEVO assolutamente farlo anche io!
    Oggi mi ci metto e "rubo" le tue idee!
    Verica
    http://ateaforu.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Brava, bella idea!
    Ci provo anch'io sempre ammesso che il mio ammasso di fili aggrovigliati non prenda il sopravvento.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il groviglio è troppo grosso butta senza pietà!

      Elimina
  7. Scusami, però, hai barato!! Questa non è la scatola degli aghi, è la scatola del cucito!!!
    Volevo ben dire che riuscissi a fare un post solo sulla scatoletta degli aghi ... mi domandavo proprio cosa ti saresti inventata, cara Barbara!!!!
    Perché se fossi arrivata a fare questo, beh ... avrei chiuso il blog, perché non ci sarebbe stata più storia!!!
    Bel lavoro comunque!!!!
    Anch'io ho varie scatole e tutta una serie di sacchettini trasparenti con tanto di etichetta. Almeno so subito cosa cercare!

    RispondiElimina
  8. A casa mia la scatola degli aghi è quella che contiene spille, fili aghi, bottoni, forbici, metro da sarto. Hai presente le scatole di legno che si aprono a libretto su più livelli? Ecco, quella per me è una scatola degli aghi classica.
    Vedrò di fare un post anche su una scatoletta degli aghi, perché in effetti me li ritrovo un po' ovunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, guarda, se mi fai un post sulla scatolina degli aghi, ti do l'Oscar come miglior blogger 2014.
      Io aspetto .... stupisci con effetti speciali|||

      Elimina
  9. Bravissima!!!! Ottima idea!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.