Passa ai contenuti principali

Organizziamo gli spazi: la scatola degli aghi

Eccola, la mia scatola degli aghi! Sono anche un po' emozionata, visto i commenti al post di presentazione della rubrica!

Per quanto riguarda l'organizzazione della scatola degli aghi ho provato un po' di tutto!


Ho provato come fanno mia mamma e mia nonna. Ho messo tutto in una scatola di latta... fino a che il groviglio di fili non ha preso il sopravvento!

Ho provato a dividere i materiali e poi a mettere tutto in una scatola delle scarpe opportunamente rivestita con una deliziosa carta a fiorellini. Poiché alla fine avevo 2 scatole una contenente i fili e gli aghi e una contenente pinze e colla a caldo, dovevo sempre aprire le scatole per scoprirne il contenuto (scrivere sul coperchio l'ho ritenuta un'opzione inutile ;) )

Il cerchio si è chiuso con una bella scatola di plastica trasparente che mi permette di vedere in contenuto senza aprirla e che contiene tutto ciò che mi serve.

Nella scatola le cose non sono messe alla rinfusa.

Come contenitori ho usato quello che avevo in casa: barattoli di vetro e un contenitore trasparente di plastica (che ti fornisce il supermercato con i pomodori dentro)

Per la scatola degli spilli e per la scatola dei bottoni ho usato due vasetti degli omogenizzati.



Per la scatola dei fili, il contenitore di plastica trasparente.


Anche le cerniere e i nastrini sono finite in barattoli riciclati di conserve e affini.

Che dite ho superato la prima prova di organizzazione degli spazi?

Se volete seguirmi in questa avventura con i vostri link potete aggiungerli nei commenti oppure seguire #OrganizziamoGliSpazi

Commenti

  1. Io direi superata alla grande! Le scatole trasparenti sono sempre un'ottima soluzione!!

    RispondiElimina
  2. Confermo: prova superata alla grande!
    Il contenitore di tutto ciò che serve per il cucito è nel suo piccolo uno dei più grandi problemi di organizzazione degli spazi. Devo cimentarmi anche io. Se riesco a combinare qualcosa partecipo alla bellissima iniziativa.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Adoro i vasi con i bottoni, mi piacciono talmente che li uso come soprammobili! Carino il tuo blog, arrivo dal Linkparty, ti seguirò, Silvia

    RispondiElimina
  4. Approvo anche io! QUEI contenitori sono la salvezza per riordinare qualsiasi cosa. Io ne ho di varie misura in cameretta :-)

    RispondiElimina
  5. DEVO assolutamente farlo anche io!
    Oggi mi ci metto e "rubo" le tue idee!
    Verica
    http://ateaforu.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Brava, bella idea!
    Ci provo anch'io sempre ammesso che il mio ammasso di fili aggrovigliati non prenda il sopravvento.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il groviglio è troppo grosso butta senza pietà!

      Elimina
  7. Scusami, però, hai barato!! Questa non è la scatola degli aghi, è la scatola del cucito!!!
    Volevo ben dire che riuscissi a fare un post solo sulla scatoletta degli aghi ... mi domandavo proprio cosa ti saresti inventata, cara Barbara!!!!
    Perché se fossi arrivata a fare questo, beh ... avrei chiuso il blog, perché non ci sarebbe stata più storia!!!
    Bel lavoro comunque!!!!
    Anch'io ho varie scatole e tutta una serie di sacchettini trasparenti con tanto di etichetta. Almeno so subito cosa cercare!

    RispondiElimina
  8. A casa mia la scatola degli aghi è quella che contiene spille, fili aghi, bottoni, forbici, metro da sarto. Hai presente le scatole di legno che si aprono a libretto su più livelli? Ecco, quella per me è una scatola degli aghi classica.
    Vedrò di fare un post anche su una scatoletta degli aghi, perché in effetti me li ritrovo un po' ovunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, guarda, se mi fai un post sulla scatolina degli aghi, ti do l'Oscar come miglior blogger 2014.
      Io aspetto .... stupisci con effetti speciali|||

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…