Passa ai contenuti principali

Organizziamo gli spazi: l'angolo dei giochi


L'angolo dei giochi deve essere pratico e funzionale. Il bambino deve poter accedere ai propri giochi in autonomia e in autonomia deve poterli riporre.

Prima di tutto i giochi devono poter essere ben divisi in categorie:

  • macchinine
  • costruzioni
  • giochi musicali
  • ferrovia 
  • ecc.
Fatta questa divisione, comincia la ricerca del mobile ideale per contenerli.

Quando lo Gnomo era piccolo non avevamo un  mobile adatto. I giocattoli erano messi nelle scatole suddivisi per categorie, ma poi le scatole erano per terra ai piedi di un mobile.

Vi dico la gioia tutte le volte che dovevo pulire per terra di prendere le scatole spostarle sul divano e poi di nuovo rimetterle a terra!!!

Poi lo Gnomo, che non ha frequentato il nido, è approdato alla scuola dell'infanzia e a me si è aperto un mondo nell'organizzazione dei giochi e dei materiali creativi di mio figlio!

Sono andata all'ikea e ho acquistato una expedit. Ho acquistato anche le scatole contenitore di stoffa. Le ho prese nere perché gli altri colori proprio non si abbinavano con la mia sala da pranzo.

Il nero, però, è anche un'ottima base per disegnare e per colorare!
Così, grazie ai disegni dello Gnomo, sono nati i contenitori per il trenino di legno e per le costruzioni.



L'artista si sa, non deve essere disturbato: io sto ancora aspettando il disegno per gli utensili della cucina!!!

Per disegnare sulla stoffa del contenitore ho usato un pennarello indelebile bianco. Per colorare, invece, ho usato i colori acrilici.

Da questo Natale sono entrati in casa nostra anche i giochi da tavolo e abbiamo trovato uno spazio anche per loro!!!

Commenti

  1. Uh...anch'io ho adottato una soluzione simile a questa: è decisamente la migliore!!

    RispondiElimina
  2. Idem, scatole di ogni tipo e dimensione. Ho recentemente risistemato la sua camera e ho ottimizzato questo tipo di soluzione già adottata negli anni passati.
    Per un periodo sulle scatole ci sono stati dei disegni fatti da lui per indicare il contenuto ... probabilmente ha visto come sono organizzate le mie scatole

    RispondiElimina
  3. Abbiamo recentemente riorganizzato lo spazio-giochi in soggiorno e utilizzato la tua stessa identica soluzione!!!!

    RispondiElimina
  4. Trovo anche che così sia molto veloce rimettere a posto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…