Passa ai contenuti principali

Nel mio armadio ho trovato...

Ho tirato fuori tutto il contenuto dell'armadio, proprio tutto. Ho guardato dentro e non ho trovato neanche un granello di polvere.
Ho guardato fuori e ho visto un mondo di cose interessanti, colorate e piene di fantasia.


Nel mio armadio ho trovato parte della mia vita, che voglio conservare e non buttare: il vestito che ho messo il giorno della laurea che sicuramente non mi entra più.

nel mio armadio ho trovato scampoli di stoffe che aspettano soli di essere cucite e di trovare una nuova strada e una nuova vita

Ho trovato anche gli indumenti della palestra, sepolti sotto strati di roba e chissà, forse, riuscirò a trovare del tempo anche per loro.

Dentro al mio armadio ho trovato progetti, ricordi, ambizioni travestiti da vestiti appesi a delle stampelle da tintoria.

Fuori ci sono, attaccati con il nastro adesivo, i disegni di mio figlio che colorano le ante bianche.

 Per continuare la staffetta tra blog andate a leggere cosa Federica ha trovato nel suo armadio!

Con questo post partecipo alla staffetta Di Blog in Blog
Un post alle ore 9.00 ogni 15 del mese in contemporanea con altri blog. Prossimo appuntamento 15 maggio



Commenti

  1. Bello il tuo post! Mi piace il modo in cui parli del contenuto dell'armadio come parte della propria vita da conservare. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra! io ho sempre utilizzato il mio armadio un po' come sgabuzzino ;)

      Elimina
  2. E' vero, l'armadio racchiude la nostra vita, passata e presente, tanti ricordi e tanti sogni
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  3. Poetico il tuo armadio.

    RispondiElimina
  4. davvero dolce e poetico!
    Il tuo armadio mi piace un sacco!

    Assomiglia al mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, no. Non ho scritto post sull'argomento.
      Fidati sulla parola :D

      Elimina
  5. Il tuo armadio ti fa stare bene, e questa è la cosa più importante!! ^_^

    RispondiElimina
  6. Oh.... finalmente qualcuno che capisce quello che provo aprendo il io armadio (cosa che naturalmente non capisce mio marito ;-) )

    RispondiElimina
  7. Il tuo post è molto bello e molto poetico. Mi ha emozionata <3

    RispondiElimina
  8. Che bello questo post. Mi piace! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  9. Bel post! E pensare che io butto via in modo compulsivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia! Io alcune cose non riesco proprio a buttarle!

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. il tuo post è una bella espressione che mi ha fatto riflettere...credo che ognuno di noi arrivi ad un certo punto della propria vita in cui appende nell'armadio ambizioni e sogni lontani per scoprire che nel frattempo ne ha realizzati altri che non pensava possibile...

    RispondiElimina
  12. Che bel commento Carmela,grazie!

    RispondiElimina
  13. Hai pienamente ragione: negli armadi non ci sono solo ricordi e passato, ma anche sogni e futuro! Interessante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…