Passa ai contenuti principali

Per la tavola di Pasqua: porta tovaglioli con coniglietto


C'era una volta un coniglietto di cioccolato ben custodito nella sua formina di plastica.
C'era una volta perché ora non c'è più (e devo dire che era anche molo buona).

E' rimasta solo, gelosamente conservata da me, la formina di plastica conservata in un cassetto.
Qualche settimana fa ho ripreso in mano questa formina, ho preso il gesso in polvere e mi sono messa a pastrocchiare con acqua e gesso poco convinta della buona riuscita dell'esperimento.


Per fortuna mi sbagliavo!!! Dalla formina di plastica è sgusciato fuori un bel coniglietto bianco quasi del tutto intero (si è spezzata la sommità dell'orecchi, ma proprio non potevo chiedere di meglio).

Ho lasciato che il gesso si asciugasse del tutto e che acquistasse un bel colore bianco omogeneo e ho cominciato a lavorare al porta tovaglioli in legno.

Ho dato due mani di bianco su tutto il porta tovaglioli e ho lasciato asciugare perché mi piace che sotto al colore si intravedano le venature del legno.

Quando entrambi i materiali si sono ben asciugati ho incollato il coniglio sul porta tovaglioli  con abbondante colla a caldo lasciata scaldare per tantissimo tempo (la colla a caldo più è calda e più attacca!).

Ho poi disegnato l'occhietto e ho decorato il coniglietto con un nastrino blu.

Non ho passato, volutamente, il lucido finale perché mi piace di più grezzo.

Commenti

  1. Vabbè non ho parole...
    Che idea geniale! Il risultato è stupendo!!
    Io non ci avrei davvero mai pensato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato veramente un esperimento azzardato perché gli stampi per il gesso sono in lattice. Con la plastica avevo paura che non si staccasse (con quelli di cars invece era stato un mezzo disastro), invece è venuto via benissimo!!!

      Elimina
  2. Stupendo... decisamente creatività e manualità non ti mancano!!!
    Con quell'occhietto birichino ed il fiocchetto è davvero molto tenero ;-)
    Tante serene e gioiose giornate a tutti

    RispondiElimina
  3. Bellissimo! Brava sia per l'idea che per il coraggio di averci provato! Direi che ti è venuto benissimo questo portatovaglioli!!! Delizioso :-)

    Vieni a trovarmi che ti ho taggata per una cosa che ti piacerà! BBaci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pinkg. Non so se il mio è stato coraggio o l'intenzione di finire il gesso!

      Elimina
  4. bello davvero... semplice e di effetto... pasquale ^_^

    RispondiElimina
  5. Molto carino, io pero' gli aggiungerei una lineeta blu ricurva all'insu', per renderlo sorridente come in certi quadri che ricordo.

    RispondiElimina
  6. Molto bello il coniglietto in gesso! E soprattutto hai avuto una bella idea nel conservare l'involucro per riutilizzarlo! Complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…