Passa ai contenuti principali

Gita a Montalcino: cosa c'è di interessante da fare


Qualche post fa vi parlavo dei miei propositi #perilmondo. Uno di questi è viaggiare.

Per noi viaggiare è andare alla scoperta di cose nuove che non conosciamo. Per far ciò non è necessario andare sempre in posti lontani. Possiamo viaggiare anche facendo pochi chilometri basta che ci sia qualche cosa da scoprire, da vedere e da gustare.


Noi tre andiamo in giro con questo spirito!

Con questo spirito siamo partiti alla volta di Montalcino.

Prima tappa: visita all'azienda agricola Uccelliera.
Che dire. Andrea, il proprietario, è fantastico! E anche io, che di vino non ne capisco un'acca e che sono quasi astemia, sono rimasta affascinata dalle sue parole e ho degustato il suo vino con vero interesse e piacere!

Nel pomeriggio abbiamo gironzolato un po' per Montalcino che, come ogni borgo medievale che si rispetti, ci ha regalato incontri e scorci inaspettati.



Il fascino di Montalcino, però, non si esaurisce con il solo borgo. Meritano di essere visti anche i dintorni.

In particolare l'Abbazia di S. Antimo che è talmente bella e suggestiva che lo Gnomo mi ha chiesto di fotografare anche l'interno (foto venuta malissimo perché completamente in controluce). Intanto la foto da fuori spero che renda ugualmente!



Siamo, per caso, capitati nel fine settimana della festa di S. Antimo e abbiamo assistito a una spettacolare processione aperta dalla banda musicale e dai Carabinieri in alta uniforme. Sarà stato per il vino, o magari per la stanchezza, ma a me sembrava di essere finita dentro alla favola di Pinocchio! Purtroppo le foto non sono venute perché la strada era illuminata solo da fiaccole.

La nostra gita a Montalcino si è conclusa con la visita al Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello.

Io adoro questo tipo di musei che sono una vera risorsa culturale per le persone adulte, ma soprattutto per i bambini che possono vedere da vicino i vecchi (ma non ancora antichi) arnesi dei maniscalchi, delle tessitrici, dei calzolai. Mestieri che piano piano stanno scomparendo (o che già non ci sono più) ma che fino a pochi decenni fa erano indispensabili nella vita dei nostri nonni e bisnonni.

Mettiamoci anche che lo Gnomo dentro questo museo si è esaltato perché l'allestimento era, di base, uguale a quello dei giornaletti dei puffi (giornaletti che lui adora): per ogni mestiere è stata riprodotta una bottega, gli arnesi sono tutti numerati  e con una legenda si spiega la loro funzione. Ecco, non riuscivamo più a farlo venire via!!! Il museo è rimasto aperto praticamente solo per noi!!! 

Ci siamo presi, orgogliosi, i complimenti del gestore del museo e siamo tornati a casa, felici delle nostre scoperte!

Se volete saperne di più dell'iniziativa #perilmondo andate a leggere il post di Trippando




Commenti

  1. Ciao da oggi ti seguo anch'io...il tuo blog è meraviglioso...davvero complimenti!!!^_^

    RispondiElimina
  2. Fantastica l'abbazia, vista credo 4 anni fa! Scorci stupendi! Lo Gnomo me lo immagino alle prese con tutte le sue grandi scoperte....bello bello.
    Bacioni, a presto :-))

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace che non siano venute le foto della processione perché c'era veramente troppo buio!

    RispondiElimina
  4. Ottima proposta per il té del giovedì!!!
    Siamo stati sia a Montalcino che a Sant'Antimo nel 1998, uno dei primi viaggi veri in camper. Posti magnifici.
    Sant'Antimo in particolare mi è rimasto nel cuore, perché ci siamo arrivati che era quasi il tramonto e c'era una luce spettacolare. Soprattutto non c'era quasi nessuno e in questi luoghi il silenzio è d'obbligo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi a S. Antimo non abbiamo trovato nessuno! E' un posto veramente magico!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Il Gufo pasticcione

Il gufo è uno degli anomali che a me piacciono di più. Misateriosa creatura della notte, è da sempre sinonimo di saggezza. In molte delle culure antiche il gufo è considerato una figuras magica. Ad esempio, i nativi americani associavano il significato del gufo alla saggezza e al fatto di essere il guardiano di tutti i tipi di saperi. Questo si deve al fatto che questo uccello è un grande combattente contro le condizioni avverse del clima, ma soprattutto riesce a vedere di notte. In epoca medioevale nel centro Europa si diceva che questi animali fossero in realtà streghe e maghi. Da quel momento si considera questo animale come parte della famiglia delle streghe. E visto che io, di fatto, sono una strega saggia, ho deciso di realizzare un piccolo gufo da appendere al pomello di un cassetto della mia postazione craft. Ora vi racconto anche come ho fatto. Ho preso: una rondella di legno bianca (comprata chissà dove),  2 occhietti mobili 1 filo di corda giallo (di quelli che chiudono l

Mini ghirlanda con perline di legno

  Buongiorno! Partecipo anche questo mese al Resto Amistoso 162 organizzato questo mese da Ovillo de Eli .  Tema della challenge sono le perline e io mi sono affidata alle mia scorta di perle di legno. Vi dico subito che non era questo il progetto che avevo in mente e che ho provato a fare con scarsi risultati.  E così ho scelto il mio piano B, la ghirlanda di perle di legno. Un progetto semplice, veloce da realizzare ma che mi dà sempre tanta soddisfazione perché può essere personalizzato in molti modi.  Per realizzare la ghirlanda servono: Perline di legno Filo di ferro Nastrino colorato Ho infilato le perline nel filo di ferro che ho poi chiuso a cerchio con l'aiuto di una pinza. Ho decorato con del nastro colorato. Con questo post partecipo a 

Premiazione di fine anno: come realizzare una coccarda in carta crespa

Domani sarà per l'ometto l'ultimo giorno di scuola. La fine di questo primo anno alla scuola primaria. Un anno scolastico pieno, intenso, fatto di impegno di compiti di scoperte e di prime responsabilità. A settembre era un piccolo bambino spaurito con uno zaino quasi più grande di lui, che non sapeva né leggere né scrivere. Oggi è un bel ragazzino molto più sicuro, che ha acquisito molta autonomia e che legge e scrive benissimo da solo. E insieme a lui tutti i suoi compagni di scuola. E così noi genitori abbiamo deciso di premiare gli sforzi dei nostri bambini con una colorata ghirlanda di carta crespa. Per ammortizzare la spesa di dover comprare 19 coccarde uguali e perché, diciamolo pure, a me piace impelagarmi in queste cose, le coccarde le ho realizzate io. Come? Ora ve lo spiego. Materiali occorrenti: carta crespa colorata basi piccole per spille cartone pressato colla a caldo 19 tondini di carta con su stampato il n. 1 Io ho comprato la carta crespa già

le asole per finta:ovvero come far credere che a chiudere sia un bottone

Fare un'asola fatta tipo quelle delle giacche (per intenderci) è veramente difficile. Alla mia nonna sarta , ad esempio, mai e poi mai verrebbe in mente di mettersi a fare un asola di questo tipo: finché ha avuto la sua ricamatrice di fiducia ha sempre dato a lei il lavoro.