Passa ai contenuti principali

Gita a Montalcino: cosa c'è di interessante da fare


Qualche post fa vi parlavo dei miei propositi #perilmondo. Uno di questi è viaggiare.

Per noi viaggiare è andare alla scoperta di cose nuove che non conosciamo. Per far ciò non è necessario andare sempre in posti lontani. Possiamo viaggiare anche facendo pochi chilometri basta che ci sia qualche cosa da scoprire, da vedere e da gustare.


Noi tre andiamo in giro con questo spirito!

Con questo spirito siamo partiti alla volta di Montalcino.

Prima tappa: visita all'azienda agricola Uccelliera.
Che dire. Andrea, il proprietario, è fantastico! E anche io, che di vino non ne capisco un'acca e che sono quasi astemia, sono rimasta affascinata dalle sue parole e ho degustato il suo vino con vero interesse e piacere!

Nel pomeriggio abbiamo gironzolato un po' per Montalcino che, come ogni borgo medievale che si rispetti, ci ha regalato incontri e scorci inaspettati.



Il fascino di Montalcino, però, non si esaurisce con il solo borgo. Meritano di essere visti anche i dintorni.

In particolare l'Abbazia di S. Antimo che è talmente bella e suggestiva che lo Gnomo mi ha chiesto di fotografare anche l'interno (foto venuta malissimo perché completamente in controluce). Intanto la foto da fuori spero che renda ugualmente!



Siamo, per caso, capitati nel fine settimana della festa di S. Antimo e abbiamo assistito a una spettacolare processione aperta dalla banda musicale e dai Carabinieri in alta uniforme. Sarà stato per il vino, o magari per la stanchezza, ma a me sembrava di essere finita dentro alla favola di Pinocchio! Purtroppo le foto non sono venute perché la strada era illuminata solo da fiaccole.

La nostra gita a Montalcino si è conclusa con la visita al Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello.

Io adoro questo tipo di musei che sono una vera risorsa culturale per le persone adulte, ma soprattutto per i bambini che possono vedere da vicino i vecchi (ma non ancora antichi) arnesi dei maniscalchi, delle tessitrici, dei calzolai. Mestieri che piano piano stanno scomparendo (o che già non ci sono più) ma che fino a pochi decenni fa erano indispensabili nella vita dei nostri nonni e bisnonni.

Mettiamoci anche che lo Gnomo dentro questo museo si è esaltato perché l'allestimento era, di base, uguale a quello dei giornaletti dei puffi (giornaletti che lui adora): per ogni mestiere è stata riprodotta una bottega, gli arnesi sono tutti numerati  e con una legenda si spiega la loro funzione. Ecco, non riuscivamo più a farlo venire via!!! Il museo è rimasto aperto praticamente solo per noi!!! 

Ci siamo presi, orgogliosi, i complimenti del gestore del museo e siamo tornati a casa, felici delle nostre scoperte!

Se volete saperne di più dell'iniziativa #perilmondo andate a leggere il post di Trippando




Commenti

  1. Ciao da oggi ti seguo anch'io...il tuo blog è meraviglioso...davvero complimenti!!!^_^

    RispondiElimina
  2. Fantastica l'abbazia, vista credo 4 anni fa! Scorci stupendi! Lo Gnomo me lo immagino alle prese con tutte le sue grandi scoperte....bello bello.
    Bacioni, a presto :-))

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace che non siano venute le foto della processione perché c'era veramente troppo buio!

    RispondiElimina
  4. Ottima proposta per il té del giovedì!!!
    Siamo stati sia a Montalcino che a Sant'Antimo nel 1998, uno dei primi viaggi veri in camper. Posti magnifici.
    Sant'Antimo in particolare mi è rimasto nel cuore, perché ci siamo arrivati che era quasi il tramonto e c'era una luce spettacolare. Soprattutto non c'era quasi nessuno e in questi luoghi il silenzio è d'obbligo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi a S. Antimo non abbiamo trovato nessuno! E' un posto veramente magico!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per