Passa ai contenuti principali

Ricetta: peperoni arrosto


"Come, cuoci i peperoni in forno!?!" Tuonò un giorno mia nonna!
"Ti dico io come si preparano: si fanno arrostire sui fornelli!"

Avete capito bene, sui fornelli senza l'ausilio di pentole e tegami. I peperoni si cuociono e rimangono belli sodi.


Questa ricetta ha, però, due piccolissimi inconvenienti:

  • alla fine il piano cottura è una vera schifezza
  • occorre avere delle mani molto resistenti al calore per poter maneggiare i peperoni
Per ovviare al primo inconveniente è meglio ricoprire con l'alluminio il piano cottura che, in questo modo, si sporca un po' di meno.

Per il secondo inconveniente io mi aiuterei con le forchette! Le mani che vedete nelle foto sono quelle di mia nonna, mica le mie!

Dopo questa doverosa premessa ecco qui la ricetta.

Accendete il fornello più grande e poggiate intorno ad esso i peperoni. La fiamma del fornello cuocerà i peperoni, dovete solo stare attente a non farli bruciare e a girarli spesso.


I peperoni saranno pronti quando la loro pelle si staccherà a sola. A quel punto toglieteli dal fuoco e spellateli.


Tagliateli a listarelle sottili  e conditeli con olio, sale e aglio.






Commenti

  1. Posso darti una dritta? Io metto i peperoni su una griglia spargifiamma. Così li puoi girare con più facilità.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la dritta! La prossima volta farò così

    RispondiElimina
  3. Tutto vero, ma dal mio punto di vista impraticabile .... troppo laborioso.
    Le rare volte in cui li ho arrostiti ho usato il forno, almeno ho evitato le ustioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti io lascio fare a mia nonna!!! Anche per me esisterebbe solo la versione al forno ;)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Il Gufo pasticcione

Il gufo è uno degli anomali che a me piacciono di più. Misateriosa creatura della notte, è da sempre sinonimo di saggezza. In molte delle culure antiche il gufo è considerato una figuras magica. Ad esempio, i nativi americani associavano il significato del gufo alla saggezza e al fatto di essere il guardiano di tutti i tipi di saperi. Questo si deve al fatto che questo uccello è un grande combattente contro le condizioni avverse del clima, ma soprattutto riesce a vedere di notte. In epoca medioevale nel centro Europa si diceva che questi animali fossero in realtà streghe e maghi. Da quel momento si considera questo animale come parte della famiglia delle streghe. E visto che io, di fatto, sono una strega saggia, ho deciso di realizzare un piccolo gufo da appendere al pomello di un cassetto della mia postazione craft. Ora vi racconto anche come ho fatto. Ho preso: una rondella di legno bianca (comprata chissà dove),  2 occhietti mobili 1 filo di corda giallo (di quelli che chiudono l

Mini ghirlanda con perline di legno

  Buongiorno! Partecipo anche questo mese al Resto Amistoso 162 organizzato questo mese da Ovillo de Eli .  Tema della challenge sono le perline e io mi sono affidata alle mia scorta di perle di legno. Vi dico subito che non era questo il progetto che avevo in mente e che ho provato a fare con scarsi risultati.  E così ho scelto il mio piano B, la ghirlanda di perle di legno. Un progetto semplice, veloce da realizzare ma che mi dà sempre tanta soddisfazione perché può essere personalizzato in molti modi.  Per realizzare la ghirlanda servono: Perline di legno Filo di ferro Nastrino colorato Ho infilato le perline nel filo di ferro che ho poi chiuso a cerchio con l'aiuto di una pinza. Ho decorato con del nastro colorato. Con questo post partecipo a 

Premiazione di fine anno: come realizzare una coccarda in carta crespa

Domani sarà per l'ometto l'ultimo giorno di scuola. La fine di questo primo anno alla scuola primaria. Un anno scolastico pieno, intenso, fatto di impegno di compiti di scoperte e di prime responsabilità. A settembre era un piccolo bambino spaurito con uno zaino quasi più grande di lui, che non sapeva né leggere né scrivere. Oggi è un bel ragazzino molto più sicuro, che ha acquisito molta autonomia e che legge e scrive benissimo da solo. E insieme a lui tutti i suoi compagni di scuola. E così noi genitori abbiamo deciso di premiare gli sforzi dei nostri bambini con una colorata ghirlanda di carta crespa. Per ammortizzare la spesa di dover comprare 19 coccarde uguali e perché, diciamolo pure, a me piace impelagarmi in queste cose, le coccarde le ho realizzate io. Come? Ora ve lo spiego. Materiali occorrenti: carta crespa colorata basi piccole per spille cartone pressato colla a caldo 19 tondini di carta con su stampato il n. 1 Io ho comprato la carta crespa già

le asole per finta:ovvero come far credere che a chiudere sia un bottone

Fare un'asola fatta tipo quelle delle giacche (per intenderci) è veramente difficile. Alla mia nonna sarta , ad esempio, mai e poi mai verrebbe in mente di mettersi a fare un asola di questo tipo: finché ha avuto la sua ricamatrice di fiducia ha sempre dato a lei il lavoro.