Passa ai contenuti principali

mio figlio va alla scuola primaria


Qualcuno mi spiega perché mio figlio il primo giorno di vacanze da scuola si è svegliato alle 6.30?!
E già, oggi è stato il primo giorno di vacanza. Ieri ci siamo lasciati alle spalle la scuola dell'infanzia. abbiamo salutato tutti: la maestra, il personale ausiliario, i compagni di scuola, gli amichetti.


Due un giorno ancora, domani, per preparare le ultime cose e poi lo Gnomo partirà per il mare con i nonni.
Vacanze meritatissime le sue! In quest'ultimo mese ha portato a casa il brevetto di nuoto (è una splendida stella marina che sta a malapena a galla), il diploma di attore e il diploma della scuola dell'infanzia (che tutte le volte che lo leggo mi viene da piangere!).

Due mesi e mezzo di vacanza per poi cominciare la scuola primaria. Che già io lo vedo piccolo che è di Dicembre e arriverà a scuola che ancora non ha compiuto 6 anni, ci si mettono poi le amiche a rincuorarmi... che mi hanno dipinto la scuola primaria come una giungla... che non c'è rapporto umano tra genitori e insegnanti... che ci sono i compiti da fare... Voi mi date qualche bella notizia sulla scuola primaria?

Intanto che mi abituo all'idea metto via lo zainetto un po' più logoro e più sporco di settembre e comincio a far spazio per quaderni e libri!

Commenti

  1. E' dura salutare vero? Noi abbiamo mamme che piangono come rubinetti aperti. perchè la scuola dell'infanzia è il proseguimento della famiglia, è l'ambiente ancora familiare e protetto, la scuola primaria invece ha proprio la connotazione di scuola! Ma stai tranquilla, i bambini a questa età si abituano molto più facilmente dei genitori ai cambiamenti, perchè sono felici di essere GRANDI e hanno voglia di scoprire cose nuove. Forza e coraggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettici pure che la maestra è stata per noi (ma anche per i genitori degli amichetti di mio figlio) la prima persona estranea alla famiglia alla quale abbiamo lasciato i nostri bambini! Che i bambini si adattino molto più velocemente di noi ne sono convintissima ... va beh mi faccio coraggio!

      Elimina
  2. Capisco le tue preoccupazioni ma spezzo una lancia a favore della scuola primaria.
    E' un ambiente ancora a misura di bambino, le maestre (le mie tre figlie sono state fortunate in questo) imparano a conoscere i bambini ed apprezzare le lo singolarità.
    I compiti non sono ancora troppi (vuoi mettere medie e superiori? Ma quell'età imparano ad organizzarsi).
    Insomma, per me sono stati gli anni migliori (quest'anno anche l'ultima ha finito questo ciclo).
    Meglio della materna.
    Mi saprai dire ma non spaventarti!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria mi rincuori!!!

      Elimina
    2. Ne sono contenta!
      Vedrai, sarà una splendida avventura!
      Un abbraccio Maria

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…