Passa ai contenuti principali

mio figlio va alla scuola primaria


Qualcuno mi spiega perché mio figlio il primo giorno di vacanze da scuola si è svegliato alle 6.30?!
E già, oggi è stato il primo giorno di vacanza. Ieri ci siamo lasciati alle spalle la scuola dell'infanzia. abbiamo salutato tutti: la maestra, il personale ausiliario, i compagni di scuola, gli amichetti.


Due un giorno ancora, domani, per preparare le ultime cose e poi lo Gnomo partirà per il mare con i nonni.
Vacanze meritatissime le sue! In quest'ultimo mese ha portato a casa il brevetto di nuoto (è una splendida stella marina che sta a malapena a galla), il diploma di attore e il diploma della scuola dell'infanzia (che tutte le volte che lo leggo mi viene da piangere!).

Due mesi e mezzo di vacanza per poi cominciare la scuola primaria. Che già io lo vedo piccolo che è di Dicembre e arriverà a scuola che ancora non ha compiuto 6 anni, ci si mettono poi le amiche a rincuorarmi... che mi hanno dipinto la scuola primaria come una giungla... che non c'è rapporto umano tra genitori e insegnanti... che ci sono i compiti da fare... Voi mi date qualche bella notizia sulla scuola primaria?

Intanto che mi abituo all'idea metto via lo zainetto un po' più logoro e più sporco di settembre e comincio a far spazio per quaderni e libri!

Commenti

  1. E' dura salutare vero? Noi abbiamo mamme che piangono come rubinetti aperti. perchè la scuola dell'infanzia è il proseguimento della famiglia, è l'ambiente ancora familiare e protetto, la scuola primaria invece ha proprio la connotazione di scuola! Ma stai tranquilla, i bambini a questa età si abituano molto più facilmente dei genitori ai cambiamenti, perchè sono felici di essere GRANDI e hanno voglia di scoprire cose nuove. Forza e coraggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettici pure che la maestra è stata per noi (ma anche per i genitori degli amichetti di mio figlio) la prima persona estranea alla famiglia alla quale abbiamo lasciato i nostri bambini! Che i bambini si adattino molto più velocemente di noi ne sono convintissima ... va beh mi faccio coraggio!

      Elimina
  2. Capisco le tue preoccupazioni ma spezzo una lancia a favore della scuola primaria.
    E' un ambiente ancora a misura di bambino, le maestre (le mie tre figlie sono state fortunate in questo) imparano a conoscere i bambini ed apprezzare le lo singolarità.
    I compiti non sono ancora troppi (vuoi mettere medie e superiori? Ma quell'età imparano ad organizzarsi).
    Insomma, per me sono stati gli anni migliori (quest'anno anche l'ultima ha finito questo ciclo).
    Meglio della materna.
    Mi saprai dire ma non spaventarti!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria mi rincuori!!!

      Elimina
    2. Ne sono contenta!
      Vedrai, sarà una splendida avventura!
      Un abbraccio Maria

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.