Passa ai contenuti principali

Pochette all'uncinetto


Ultimamente sto spesso con l'uncinetto in mano. Sarà che ho fatto pace con questo attrezzo e che ora comincio a divertirmi ad usarlo, sarà che ho scoperto che si può fare molto altro che non sia no centrini, ma comincia a rilassarmi avere un uncinetto in mano la sera specie se il lavoro è semplice e ripetitivo e non devo stare con un giornale sulle ginocchia per leggere lo schema!

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in un post di Alessia con le spiegazioni per fare un cerchio perfetto e ho deciso di provarci anche io.


Ho cominciato con sei catenelle che sono diventate dodici maglie alte e poi ho cominciato con gli aumenti.
Sono andata avanti così per venti giri, fino a quando non ho raggiunto la dimensione adatta a contenere cintura fatta la settimana scorsa.

Avrei voluto fare la pochette dello stesso colore della cintura e fare poi le rifiniture in rosa ma, purtroppo, non avevo abbastanza filato e ho dovuto fare il contrario.

Per rifinire il cerchio rosa ho cambiato colore e ho fatto un giro a maglia bassa e un giro a punto gambero.

Ho messo in doppio il cerchio e l'ho cucito alle estremità per quattro centimetri.

Per dare un tocco di colore in più ho fatto, sempre a crochet una rosellina che ho poi cucito sulla pochette.



Due giorni di lavoro (che io sono lenta!) e questo è il risultato!

Con questo post partecipo
Linky Party C'e' Crisi

Commenti

  1. Bella!
    Non solo è un ottima confezione per la cintura, ma è un regalo in più! =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi quasi me ne faccio una anche per me ;)

      Elimina
  2. Ma che bella!
    Le rifiniture danno il tocco in più.
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  3. Sei velocissima, io sono molto più lenta! Sarà che mi interrompono i bambini in continuazione...
    Ma come si chiude la pochette?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa settimana sono a casa sola senza marito e senza figlio... questo aiuta!!! la pochette si chiuse con un automatico di quelli grandi. Avevo pensato a un'altra chiusura m non ho più nemmeno un cm di filo marrone :(

      Elimina
  4. carinissima!
    se ti va passa da me: http://viviconvivi.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Zero feeling con l'uncinetto!!! Però mi attira un sacco.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.