Passa ai contenuti principali

come fare i fiorellini all'uncinetto


Ormai l'ho capito, a me non piace usare l'uncinetto per fare centrini! A me piace sperimentare nuove tecniche, nuovi materiali, mi piace tenere le mani impegnate per progetti di veloce realizzazione, che altrimenti mi stufo e finisce che rimangono incompiuti nell'armadio.



E' proprio così che nascono questi fiorellini di cotone: un post su un gruppo di Facebook e la voglia di capire come erano fatti dei graziosi fiorellini multicolore mi hanno fatto prendere l'uncinetto in mano e mi hanno fatto provare a riprodurli.

Prova e riprova, sono riuscita a realizzare questi due fiorellini.

Ora vi spiego come ho fatto a realizzarli.



Ho formato un cerchio magico e al suo interno ho fatto 12 maglie basse e ho chiuso il giro.

Nel secondo giro ho avviato due catenelle e ho fatto due punti alti senza chiuderli (ma solo facendo il primo passaggio del punto alto).
Ho fatto altri due punti alti senza chiuderli puntando però l'uncinetto nel punto seguente.

Ho chiuso tutte le maglie alte in una volta sola e ho avviato 2 catenelle che ho chiuso con un punto bassissimo nel punto sottostante. Ho realizzato così il mio primo petalo.

Ho ripetuto questa operazione altre sei volte fino a formare il fiore.
Linky Party C'e' Crisi

Commenti

  1. Ma che belli Barbara!
    Grazie per averci spiegato come hai fatto.
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  2. Grazie Maria! Proverò a farli diventare qualcos'altro (tipo un bracciale, una collana o una spilla)... vedremo cosa ne verrà fuori!!!

    RispondiElimina
  3. Davvero molto belli, grazie per la spiegazione!!
    Buona serata,
    Annarita

    RispondiElimina
  4. L'uncinetto ha sempre un fascino particolare ed è molto versatile!
    Dei fiori più o meno uguali io li ho fatti diventare dei puntaspilli: invece di lasciare il buco al centro ho fatto due piccoli dischetti che poi ho unito tra di loro, uno sopra e uno sotto, mettendoci all'interno un po' di ovatta. Poi ho fatto i petali come hai descritto tu ed è venuto fuori un bellissimo fiore punta-spilli.
    Un salutone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei sono piccolini per farli diventare puntaspilli a meno che non ne ne usi tanti tutti cuciti l'un l'altro!

      Elimina
  5. Complimenti sempre con le mani in pasta, ops...con il cotone...proverò a farli quando...non lo so. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono una che sa stare con le mani in mano!!! Poi voglio vedere i tuoi!!!

      Elimina
  6. Molto carini. Mi piacciono perchè il petalo rimane come disegnato. proverò! Grazie per essere passata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono contenta che ti piacciano! grazie a te!!!

      Elimina
  7. Molto carini e utili per diverse applicazioni, e nemmeno io amo fare i centrini….buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
  8. Davvero molto belli.
    Si possono usare come applicazioni per lavoretti vari al posto, oppure alternandoli, ai fiori fatti con il feltro.
    Grazie dell'idea
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace l'idea di alternarli ai fiori di feltro! Grazie!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s