Passa ai contenuti principali

Primo giorno di scuola


Quand'è che da 8 mm nella mia pagina è cresciuto ed è arrivato a 110 cm? Com'è che improvvisamente sono passati quasi sei anni e siamo passati dal giocare al parco giochi al primo giorno di scuola primaria?

Questi interrogativi (e tanti altri ancora) affollavano questa mattina le menti di mamma e papà!



Lo Gnomo, invece, si dimostrava emozionato (nel giusto), contento di rivedere i suoi amichetti e curioso di capire finalmente cosa caspita era questa "scuola dei bambini grandi" tante volte osannata da mamma e papà.

L'accoglienza nella nuova scuola è stata bella: a ogni ragazzo di quinta elementare è stato affidato il compito di accogliere e accompagnare in classe un bambino di prima. e questo mi è sembrato un bel gesto di accoglienza.

Nello zaino avevamo tutto... anche una buona scorta di baci che però lo Gnomo non ha usato perché ha detto che non ne sentiva il bisogno (e questa sì che è una bella notizia!).

Per oggi nessun compito a casa solo tanto riposo e tante coccole. Stasera leggeremo un bel libro insieme e poi tutti a letto.

Oggi ce l'abbiamo fatta ad arrivare in orario... spariamo di riuscire anche domani!!!

Commenti

  1. Dai, il primo giorno è andato!
    Ora sarà una bella avventura, arricchente e gioiosa.
    Anche da me tante novità: una prima media, una prima superiore e una terza superiore con cambio di metà professori!
    Ma anche per noi il primo giorno è passato!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  2. Terzo giorno di scuola e già abbiamo sbagliato a comprare i quaderni!!! Sembra più difficile del previsto... almeno per noi genitori!!!

    RispondiElimina
  3. Ma no che non è difficile! Ci dobbiamo solo abituare!
    Da noi i bambini di quinta hanno regalato un disegno ai nuovi arrivati.
    Per i quaderni e per il resto ho chiesto spudoratamente in cartoleria, dove un efficiente commesso mi ha accompagnato in questa scoperta del materiale scolastico.
    Io ho frequentato la prima elementare solo 40 anni fa, con il grembiule nero e la maestra, pure lei in nero, che ci insegnava le aste.
    Ho pensato fosse meglio chiedere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho chiesto! E mi hanno dato risposte contrastanti!!! Comunque siamo riusciti a partire e a organizzarci anche per i compiti a casa (che noi facciamo il modulo a 27 ore)!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s