Passa ai contenuti principali

Primo giorno di scuola


Quand'è che da 8 mm nella mia pagina è cresciuto ed è arrivato a 110 cm? Com'è che improvvisamente sono passati quasi sei anni e siamo passati dal giocare al parco giochi al primo giorno di scuola primaria?

Questi interrogativi (e tanti altri ancora) affollavano questa mattina le menti di mamma e papà!



Lo Gnomo, invece, si dimostrava emozionato (nel giusto), contento di rivedere i suoi amichetti e curioso di capire finalmente cosa caspita era questa "scuola dei bambini grandi" tante volte osannata da mamma e papà.

L'accoglienza nella nuova scuola è stata bella: a ogni ragazzo di quinta elementare è stato affidato il compito di accogliere e accompagnare in classe un bambino di prima. e questo mi è sembrato un bel gesto di accoglienza.

Nello zaino avevamo tutto... anche una buona scorta di baci che però lo Gnomo non ha usato perché ha detto che non ne sentiva il bisogno (e questa sì che è una bella notizia!).

Per oggi nessun compito a casa solo tanto riposo e tante coccole. Stasera leggeremo un bel libro insieme e poi tutti a letto.

Oggi ce l'abbiamo fatta ad arrivare in orario... spariamo di riuscire anche domani!!!

Commenti

  1. Dai, il primo giorno è andato!
    Ora sarà una bella avventura, arricchente e gioiosa.
    Anche da me tante novità: una prima media, una prima superiore e una terza superiore con cambio di metà professori!
    Ma anche per noi il primo giorno è passato!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  2. Terzo giorno di scuola e già abbiamo sbagliato a comprare i quaderni!!! Sembra più difficile del previsto... almeno per noi genitori!!!

    RispondiElimina
  3. Ma no che non è difficile! Ci dobbiamo solo abituare!
    Da noi i bambini di quinta hanno regalato un disegno ai nuovi arrivati.
    Per i quaderni e per il resto ho chiesto spudoratamente in cartoleria, dove un efficiente commesso mi ha accompagnato in questa scoperta del materiale scolastico.
    Io ho frequentato la prima elementare solo 40 anni fa, con il grembiule nero e la maestra, pure lei in nero, che ci insegnava le aste.
    Ho pensato fosse meglio chiedere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho chiesto! E mi hanno dato risposte contrastanti!!! Comunque siamo riusciti a partire e a organizzarci anche per i compiti a casa (che noi facciamo il modulo a 27 ore)!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.