Passa ai contenuti principali

Angioletto di legno e sughero


Qualche angioletto sull'albero di Natale non può certo mancare.  Perché non provare a crearlo da soli con pochi materiali, meglio ancora se di riciclo?

Io ho provato e il risultato non mi dispiace per niente!!!


Materiale occorrente per questo progetto:

  • un tappo di sughero
  • una testina di legno
  • passamaneria
  • colla gel
  • nastro decorativo
A me le teste di angelo senza capelli non piacciono proprio, ma ricreare dei capelli su una testolina di legno non è proprio una cosa semplicissima. Ho cercato di risolvere il problema con la passamaneria argentata alta 5 mm che ho incollato a spirale sulla testolina di legno per creare l'effetto capelli. E, poiché non sono tanto capace a disegnare, ho disegnato degli occhietti chiusi e una piccola bocca che canta.


Ho incollato, poi, la testina sul tappo di sughero. 


Ogni angioletto che si rispetti ha un bel paio di ali e il mio angioletto non poteva assolutamente rimanere senza! 



Per realizzare le ali ho preso una striscia di nastro decorativo e ho fatto un bel fiocco. Anziché fare un nodo ho tenuto ben fermo il fiocco con la stessa passamaneria che ho usato per i capelli. Ho lasciato poi il filo lungo per creare l'anello per appendere l'angioletto.

Con questo post partecipo a
un-te-dentro-l'armadio-

Commenti

  1. E' deliziosissimo! Ho tutto in casa...quasi quasi ti copio! ;)

    RispondiElimina
  2. Ma é carinissimo!
    Una bellissima idea Barbara.
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  3. Ma sai che un'idea del genere è venuta pure a me? Ne ho visti di carinissimi in giro. Vediamo se arrivo ...
    Sempre brava comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riesco a trovare abbastanza tappi li userò come segna posto per Natale!

      Elimina
    2. Grazie di averlo portato al tè del giovedì!

      Elimina
  4. Sono dolcissimi!! ^_^
    E anche realizzati molto bene!
    Chissà che meraviglia vederne tanti svolazzare sull'albero di Natale...
    Complimenti!!
    Daniela - Mani di Dani

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.