Passa ai contenuti principali

#handmadespring: banner per l'orto



Qualcuno ogni tanto dovrebbe ricordarmi che non sono capace a disegnare e che con il pennello in mano faccio molta fatica a realizzare qualche cosa di decente!

Perché io ogni tanto me lo scordo? Perché, potendo scegliere tra un facile creativo e divertente decoupage e i pennelli ho scelto proprio questi ultimi? Perché sono pigra e non mi andava di cercare la carta adatta per il decoupage, ecco perché! Ho fatto prima a cercare un disegno da colorare e prendere spunto da quello!

Per fortuna la mia non è un'opera d'arte da mettere in bella mostra in un salotto, ma un banner per l'orto, e quindi mi accontento anche  se i colori non sono ben passati o se ci sono delle imperfezioni.

Vediamo però il progetto che mi ha impiegato una settimana a prendere forma.

Materiali occorrenti:
  • tavola di legno grezzo (di recupero nel mio caso)
  • carta abrasiva
  • colori acrilici
  • disegno
  • carta carbone
  • pennelli
Ho carteggiato la tavola di legno per togliere il più possibile le imperfezioni. In realtà non avevo bisogno di una tavola perfettamente liscia, a me le venature del legno (anche quello non pregiato a pressato, come in questo caso) piacciono, non mi da fastidio che si vedano. Se avessi voluto un supporto perfetto, non avrei scelto il legno, insomma!

Ho dipinto di bianco tutta la tavola e, una volta asciutto il colore, ho cominciato a decorarla.



Con l'aiuto della carta carbone (che io sono sempre quella che non sa disegnare) ho riportato sul legno il disegno dello spaventapasseri che abbraccia un mucchio di foglie e il prato nella parte bassa della tavola.
A mano libera (e si vede!) ho scritto il messaggio di benvenuto.

Ho poi cominciato, armata di pennelli e di colori acrilici, a colorare.



Questo è il mio saluto alla primavera e al fantastico gruppo di The Creative Factory capitanato da Alex!
Insieme a me oggi pubblicano anche le mie compagne di avventura...

 

Commenti

  1. E' bello il tuo disegno, mi piace, è allegro e simpatico.
    Anche a me piace il legno con tutte le sue venature.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Norma! Speriamo che piaccia anche a mia mamma che è un regalo per lei e per il suo orto!!

      Elimina
  2. Disegnare non è facile...soprattutto sul legno!!! Proprio brava...e poi l'dea del BANNER per il giardino è veramente originale!!!
    Brava
    Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivy io non disegno bene neanche su carta e mio figlio, che è bravo a disegnare, prima si è rifiutato di aiutarmi e poi mi ha criticato!!!

      Elimina
  3. Guarda che invece sei stata proprio brava!!! bellissimo progetto!

    RispondiElimina
  4. Un'idea veramente allegra dare il Benvenuto anche nell'orto!!!
    Buona settimana =)

    RispondiElimina
  5. Che bella idea! Proprio simpatica l'insegna!

    RispondiElimina
  6. Molto originale l'idea del banner per l'orto, la nonna sarà contenta.... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi saprò dire...fine settimana in campagna!

      Elimina
  7. Ecco a cosa lavoravi!
    Mitica!

    RispondiElimina
  8. Ahahahahahah guarda, ti capisco benissimo, io con i pennelli sono una frana! Ma secondo me sei troppo severa con te stessa, per me è venuto proprio carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miria! Il fatto è che ho veramente faticato molto per realizzarlo!!!

      Elimina
  9. Mi piace Barbara!
    Dai che non è vero che non ci sai fare con i pennelli!!!
    Un abbraccione Maria

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.