Passa ai contenuti principali

Guest post Artechemipiace: pittura su vetro



Girovagando in rete ogni tanto si trovano piccoli nuovi blog pieni di tante idee con creative che utilizzano tecniche a noi sconosciute.
Così è successo per Artechemipice e per le lavorazioni su vetro di Rosa, la blogger che si occupa diu questo bel blog.
A Rosa ho chiesto se poteva preparare per me un tutorial riguardante questa tecnica.
 
Vi lascio alle sue parole e alle sue fotografie.
 






Salve a tutti. La mia amica  mi ha chiesto di pubblicare un tutorial per le lavorazioni che faccio sul vetro. Ringrazio Barbara per l'opportunità e spero di essere chiara.

Iniziamo subito con il materiale che ci occorre:
  • un piattino in vetro (lavato con acqua e sapone e asciugato per bene),
  • colori 3D con beccuccio sottile che ci serviranno per i contorni (io ho preso stamperia ma altri vanno bene ugualmente) ,
  • colori link per vetro (sono a base alcoolica).



Le tonalità che ho scelto per questo lavoro sono: il bronzo e il verde per i colori 3D e il verde lime e il peperoncino per i colori link.
Poi possiamo procedere con il lavoro. Direttamente con i colori 3D, a mano libera si fa un disegno, in questo caso io ho disegnato una rosa, prestando attenzione a non lasciare spazi aperti perché in un secondo momento andremo a colorare all'interno.
Se non avete dimestichezza con il disegno, potete aiutarvi mettendo sotto il piattino l'immagine che volete riprodurre. Io non lo faccio più, ma all'inizio anche per me è stato così.



Procedete così fino a completare il disegno facendo attenzione a non toccare fino a che non si sarà asciugato.





Non preoccupatevi se non sarà perfetto, ricordate che è sempre a mano libera e verrà apprezzato di più.
Fatto il disegno dovete lasciarlo asciugare. Io di solito lo lascio una notte intera.
Poi possiamo colorare l'interno. Prendete i colori link e metteteli in un piattino, con un pennellino di misura tale da entrare nel disegno iniziate a colorare l'interno.
 
A ogni colore che usate cambiate pennello. Potete anche tamponare il colore con il pennello senza necessariamente stenderlo. All'inizio sembrerà  non steso bene, ma quando si asciuga l'effetto è garantito.
 
Per l'asciugatura del colore link non ci vuole molto, però io consiglio di non toccarlo per almeno un'ora. I pennelli che utilizzate per i link vanno immersi in acqua e alcool altrimenti si rovinano.

 



Ed ecco il lavoro finito.. che ve ne pare?

 

Commenti

  1. Tecnica interessante, mai vista prima.
    Grazie Barbara!
    E naturalmente brava Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il complimento, prova la tecnica è divertente

      Elimina
  2. Ma che bello!!! Anch'io ho sperimentato la pittura su vetro, ma i bordi li facevo con il piombo nero perché così ci insegnarono a scuola, e francamente non sapevo esistessero altri colori adatti allo scopo... In ogni caso sei bravissima a disegnare senza la copia sotto!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione, ma il piombo alle volte si indurisce e diventa pesante disegnare con contorni fluidi. Così invece è un pò più semplice e il tratto è continuo... prova ti piacerà sicuramente!

      Elimina
  3. E' bravissima la mia amica Rosa!!! Il tutorial è ben fatto ed è bellissimo poter vedere, attraverso le foto, come nasce una creazione! Complimenti anche a te Barbara per il tuo bel blog che non conoscevo. A presto, Angie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angie, spero di avere la possibilità di pubblicarne altri... mi piace condividere con altre creative!! Barbara è stata molto gentile nel darmi questa possibilità!

      Elimina
  4. Bellissimo questo progetto! Grazie <3

    RispondiElimina
  5. Io ringrazio Rosa per il bel post che ha scritto e pubblicato qui!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per