Passa ai contenuti principali

Picnic di primavera




Con le belle giornate di sole viene voglia di passare una giornata all’aria aperta e organizzare un bel picnic. Prati e aree attrezzate di certo non mancano. 

Poi magari se si ha una casa in campagna è giunto il momento di aprire le imposte e organizzare un bel pranzo all'aria aperta!

Non c'è niente da fare, io adoro le tovaglie quadrettate, sia di stoffa che di plastica. 

E poi un bel mazzetto di fiori colorati ( mi dicono che sia salvia selvatica) che fa colore, che mette allegria. Basta poco per rendere una tavola unica. Non serve neanche un bel vaso di cristallo, basta un bicchiere di plastica trasparente e il gioco è fatto!




La domanda però che ci poniamo è: cosa mangiamo? La risposta non è detto che sia: panini. 

Se si ha a disposizione un barbecue o un forno a legna possiamo preparare bruschette di pane e grigliata mista per tutti.



Altrimenti si può organizzare un gustoso pranzo all'aperto senza impegnarsi troppo e senza dover ricorrere ai panini.
Questo il menù che vi propongo per una scampagnata.

Antipasto

Primo piatto

Secondo piatto

Frutta
Macedonia di frutta coloratisima e gustosissima da trasportare dentro barattoli di vetro monoporzioni!

Io non vedo l'ora di organizzare il prossimo picnic!!!

Commenti

  1. Gnamme....che bella tavola! Semplicità e spontaneità, una buona compagnia e che bella giornata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta poco poco per passare una bella giornata!

      Elimina
  2. Adoro il pic nic ma sul prato e senza tavolo, ma con la tovaglia a quadretti come la tua.♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mi piacciono anche quelli sul prato.... ma il tavolo (seppur con le panche fisse) è un po' più comodo ;)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…