Passa ai contenuti principali

Come trasformare una maglietta in un cuscino

 
 
Con l'arrivo del caldo e della bella stagione bisogna per forza affrontare il cambio di stagione. E se si hanno dei figli in piena crescita questo spesso vuol dire buttare le cose rotte e dar via (regalare, donare fate voi) gli indumenti ancora mettibili. Che tanto non c'è niente da fare, quando ricomincerà a fare freddo bisognerà ricomprare tutto di una taglia più grande!
 
Nel sistemare le magliette dello Gnometto vi è venuta tra le mani questa maglietta, per nulla rovinata e con una stampa grande ... perfetta per essere trasformata in un cuscino! 

 
 
 Armata di forbici e silenziando la vocina malefica di mia mamma che mi diceva "che ti salta in mente! La maglina è difficile da cucire a macchina!", ho cominciato a lavorare!
 
Per prima cosa ho tagliato le maniche e il collo.
 

 
Ho messo al rovescio il lavoro e ho piegato a metà il lato corto. Ho fissato tutto con delle spille per non far muovere la stoffa.  Con l'aiuto di un piatto da portata tondo ho tracciato una linea tonda sia sulla parte superiore che nella parte inferiore della maglietta. Ho tagliato con le forbici lungo il segno
 
 
Ho poi aperto il lavoro e ho cominciato a cucire. Poiché di partenza era una maglietta ho dovuto fare solo una cucitura nella parte alta. 
 
 
Ho poi messo al dritto il lavoro e ho imbottito il cuscino.
 
Munita di ago e filo ho cucito la parte inferiore della maglietta  con il punto nascosto.
 
Per nascondere le imperfezioni ho ripassato tutto il cuscino a punto nascosto, così da rendere il lavoro più preciso e le cuciture meno arricciate.
 
 
 E il cuscino è pronto!
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti

  1. Mitico!!!
    La maglina è difficile da cucire, ma ci sono anche gli aghi appositi che aiutano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui si fanno prove e progetti per diventare super esperte in cucito! ;)

      Elimina
  2. Se avessi pensato che potevo cucire quando avevo i miei pargoli ancora cuccioli!!!
    Sapessi le cose di cui mi sono liberata a malincuore! Bravissima, non è solo un cuscino ma un morbidoso ricordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy e poi anche il pargolo ha apprezzato il nuovo "cuscino gioco"!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.