Passa ai contenuti principali

Piccolo Esploratore va in gita al Colosseo


Con la fine della scuola e l'inizio delle lunghe vacanze estive l'Ometto si trasforma da bravo scolaro a Piccolo Esploratore.

Quale meta migliore per cominciare se non il Colosseo?!? Certamente abitare a Roma facilita la scelta della meta, ma anche chi è in gita per qualche giorno e ha di bambini piccoli può lanciarsi nell'avventura di visitare l'interno dell'Anfiteatro Flavio e tutto ciò che si trova nelle sue immediate vicinanze.

Una gita, sempre e comunque, si prepara per tempo soprattutto come in questo caso se si deve far lavorare la fantasia e si deve immaginare un luogo che ha visto il suo apice tanti tanti anni fa.


Per aiutarci a immaginare abbiamo usato un libro in 3D bellissimo intitolato "Antica Roma" ed edito dalla De Agostini.



Una volta letto e osservato tutto il libro siamo passati alla pratica. I Piccolo Esploratore ha redatto la lista delle cose da portare assolutamente!


E poi ha colorato un disegno che io ho scaricato da qui.






E il giorno dopo, zaino in spalla (io) e berretto in testa (lui) abbiamo preso l'autobus alla volta del Colosseo.

Abbiamo fatto un po' di fila, ma non troppa, per fortuna. I ragazzi al di sotto dei 18 anni non pagano l'ingresso e noi abbiamo approfittato, dovendo pagare un solo biglietto, per prendere anche l'audioguida. Io mi ero preparata a rispondere alle domande più disparate, ma meglio andare sul sicuro e affidarci a una voce registrata.

Lo spettacolo che ci aspetta all'interno dell'anfiteatro è da far rimanere senza parole.

La nostra è stata una visita all'insegna della ricerca degli indizi: l'Ometto è o non è un Piccolo Esploratore?

Abbiamo cercato di immaginarci l'arena sabbiosa


E le attività e la vita che scorreva al di sotto di essa.


Siamo andati alla ricerca di tracce dal passato e abbiamo trovato questo.



E poi l'esplorazione è continuata all'esterno, con la ricerca dei solchi delle bighe nella vicina strada romana.



E abbiamo ammirato la maestosità dell'Arco di Costantino.



Vi state chiedendo se all'Ometto è piaciuta la gita? Come sempre i suoi disegni sono più sintetici ed esaudienti delle mie millemila parole!!!




Commenti

  1. Ma che meraviglia, Barby!!!
    Avevo già letto questo post e pure gli altri, ma merita il commento.
    Bravissima Mamma sei, queste sono soddisfazioni!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.