Passa ai contenuti principali

Piccolo Esploratore va in gita al Colosseo


Con la fine della scuola e l'inizio delle lunghe vacanze estive l'Ometto si trasforma da bravo scolaro a Piccolo Esploratore.

Quale meta migliore per cominciare se non il Colosseo?!? Certamente abitare a Roma facilita la scelta della meta, ma anche chi è in gita per qualche giorno e ha di bambini piccoli può lanciarsi nell'avventura di visitare l'interno dell'Anfiteatro Flavio e tutto ciò che si trova nelle sue immediate vicinanze.

Una gita, sempre e comunque, si prepara per tempo soprattutto come in questo caso se si deve far lavorare la fantasia e si deve immaginare un luogo che ha visto il suo apice tanti tanti anni fa.


Per aiutarci a immaginare abbiamo usato un libro in 3D bellissimo intitolato "Antica Roma" ed edito dalla De Agostini.



Una volta letto e osservato tutto il libro siamo passati alla pratica. I Piccolo Esploratore ha redatto la lista delle cose da portare assolutamente!


E poi ha colorato un disegno che io ho scaricato da qui.






E il giorno dopo, zaino in spalla (io) e berretto in testa (lui) abbiamo preso l'autobus alla volta del Colosseo.

Abbiamo fatto un po' di fila, ma non troppa, per fortuna. I ragazzi al di sotto dei 18 anni non pagano l'ingresso e noi abbiamo approfittato, dovendo pagare un solo biglietto, per prendere anche l'audioguida. Io mi ero preparata a rispondere alle domande più disparate, ma meglio andare sul sicuro e affidarci a una voce registrata.

Lo spettacolo che ci aspetta all'interno dell'anfiteatro è da far rimanere senza parole.

La nostra è stata una visita all'insegna della ricerca degli indizi: l'Ometto è o non è un Piccolo Esploratore?

Abbiamo cercato di immaginarci l'arena sabbiosa


E le attività e la vita che scorreva al di sotto di essa.


Siamo andati alla ricerca di tracce dal passato e abbiamo trovato questo.



E poi l'esplorazione è continuata all'esterno, con la ricerca dei solchi delle bighe nella vicina strada romana.



E abbiamo ammirato la maestosità dell'Arco di Costantino.



Vi state chiedendo se all'Ometto è piaciuta la gita? Come sempre i suoi disegni sono più sintetici ed esaudienti delle mie millemila parole!!!




Commenti

  1. Ma che meraviglia, Barby!!!
    Avevo già letto questo post e pure gli altri, ma merita il commento.
    Bravissima Mamma sei, queste sono soddisfazioni!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.