Passa ai contenuti principali

lavori in casa: smalto nuovo per i caloriferi

 
 

Dopo un anno e mezzo dal trasloco non possiamo certo dire di aver finito i lavori dentro casa. Possiamo dire di aver messo mano a tutti i lavori urgenti, questo sì...

Il fatto è che appena si sistema e si aggiusta una cosa ne salta subito all'occhio un'altra!

E così dopo aver sostituito le finestre ci siamo improvvisamente resi conto che i caloriferi avevano bisogno di un'abbondante mano di vernice bianca.

Ho aspettato l'estate, stagione nella quale i tempi di asciugatura delle vernici diminuiscono notevolmente. Ho aspettato che l'Ometto partisse in vacanza con i nonni.

Poi sono andata in un colorificio e mi sono fatta consigliare (che io mica lo avevo mai dipinto prima un calorifero).

Purtroppo in casa mi hanno boicottato la soluzione che prevedeva termosifoni colorati (rosso per il bagno, blu elettrico per le camere da letto e lavanda per il salone. Non c'è stato niente da fare il bianco ha vinto e io sono stata messa in minoranza!

Dicevo, sono uscita dal colorificio con il mio barattolo di smalto all'acqua bianco e i miei pennelli e mi sono messa al lavoro.

Prima di procedere con il colore bisogna lavare e sgrassare bene il termosifone, asciugarlo e scartavetrarlo se serve.

Dopo di che sono passata alla pittura. e devo dire che l'operazione è stata più semplice del previsto!

Per sei termosifoni ho impiegato tre mattinate, ho la casa che ancora odora vagamente di vernice però ora ho sei caloriferi in perfetta forma pronti per affrontare l'inverno!

Commenti

  1. santo cielo è una cosa che dovrei fare anch'io ... ma mi spaventa molto questo fatto ... io sarei dell'idea di smontarli lavarli all'aperto e pittoìurarli ma siccome sarà difficile .... meglio che mi equipaggio e faccio come te .... evito di guardarli perchè mi viene il nervoso.... bravissima tu eh ....anch'io preferisco colori neutri già si vedono troppo .... buona serata
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho trovato nessuna anima pia disposta a smontare e rimontare sei termosifoni nel giro di una settimana. Alcune parti sono poco agevoli da raggiungere quando sono montati, comunque mi accontento...chi andrà mai a vedere se ho dipinto bene anche il retro dei termosifoni???

      Elimina
  2. Toccherà anche a me, tra qualche settimana, perché abbiamo comprato casa e bisogna sistemarla un po'... I miei sono bianco sporchissimo...
    I tuoi comunque sono molto più belli e lineari dei miei, che invece sono vecchiotti...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria anche i miei sono vecchitti!!! E anche i miei erano giallognoli. Buon lavoro!

      Elimina
  3. Noi ci siamo rifiutati di fare un lavoro simile.
    Anni fa l'abbiamo fatto fare dall'imbianchino, a spruzzo.
    Poi abbiamo semplicemente cambiato termosifoni, anche per adeguarli alla nuova caldaia.
    E quindi la pittura è diventata superflua.
    In ogni caso, sempre super Barbara!!!
    Però i termosifoni colorati ...... neppure da scartare come idea.

    RispondiElimina
  4. Noi per il momento ce li teniamo e meglio così che scoloriti...sul colore non sono riuscita a impormi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro