Passa ai contenuti principali

Materiali per lavoretti a costo zero: dove trovo le conchiglie





Il tema è di quelli scottanti, me ne rendo conto! Quanto si spende per far divertire in modo creativo i nostri bambini?

Se non si fa attenzione, si può spendere anche molto tra colori, basi di cartone fustelleate, colle glitterate, carta e cartoncini.

In realtà, con qualche accortezza, si può spendere veramente poco (o niente), i lavoretti proposti saranno ugualmente molto belli e creativi e i bambini si divertiranno ugualmente un mondo!!!

Basta guardarsi un po' in torno per scoprire che le nostre case sono piene di materiale creativo non convenzionale!


Nelle prossime settimane cercherò di mostrarveli un po' tutti. Intanto, se vi fate un giretto qui sul blog, potete vedere che il cartone da imballaggio può diventare un pratico taccuino da viaggio!

A casa nostra tutto si ricicla, molto si distrugge, poco si butta (soprattutto se si tratta di carta e cartone!).

Veniamo, però, al progetto di riciclo di oggi!

Quante volte avete visto in rete dei bellissimi lavoretti realizzati con le conchiglie perfetti da proporre ai vostri bimbi e avete detto:
"accidenti ma come faccio ad avere tante conchiglie (tutte mediamente uguali!) che non vivo al mare ma in città (o in montagna)? Non mi posso mica mettere a comprare le conchiglie (che poi chissà da quale mare vengono)."

Se ammettete di aver detto questa cosa qui almeno una volta potete continuare a leggere questo post!

Le conchiglie non sono altro che VONGOLE e TELLINE!

Ora, le telline sono specie protetta e non le trovate alla pescheria, ma le vongole sono facilmente reperibili. E poi volete mettere quanto è buona la pasta con le vongole!!!

E infatti oggi a casa nostra si è mangiata la pasta con le vongole. Per darvi un'idea il contenuto del barattolo è la quantità di vongole necessaria per due piatti di pasta!

Non scoraggiatevi nel vederle scure perché si possono sempre colorare con un po' di colore acrilico o di tempera.

Ora vi dico come ho fatto a mandar via l'odore di pesce (anzi di mollusco!)



Ho messo le vongole vuote in un piatto ho messo qualche goccia di sgrassatore per piatti e ho aggiunto l'acqua calda.



Il tempo di sparecchiare la tavola e di mettere i piatti a lavare, ho preso la spugnetta abrasiva le ho lavate una ad una stando ben attenta a togliere tutto anche l'ultimo pezzettino di mollusco che di solito rimane attaccato al guscio. Le ho asciugate per bene e le ho messe in un barattolo di vetro, pronte per essere usate per un nuovo progetto estivo.

Commenti

  1. Ah ah ah, della serie non butto via nulla, eh!!!!
    Grande proprio, Barby!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…