Passa ai contenuti principali

Sere d'estate


A me piace accendere le candele. Mi piace farlo d'invero come d'estate. Mi piace farmi ipnotizzare dalla fiamma.

E se d'inverno le candele sono grandi, colorate e profumate, d'estate preferisco la luce soffusa delle tealight da accendere la sera, dopo il tramonto. Che poi, a cercare bene, anche le tealight si trovano profumate.


A differenza delle candele che uso d'inverno, però, quelle piccine mi piace vestirle a festa e preparare dei porta candele che spesso sono anche diffusoli di luce.

Non ci vogliono né tanti materiali né tanto tempo per realizzare questi porta candele di carta, ma il gioco di luce diffusa (che non sono riuscita a riprodurre in fotografia) a me piace veramente molto.

Per realizzare questo progetto occorrono:


  • cartoncino colorato
  • disegno con onde del mare stilizzate
  • un punteruolo (o una pintina da disegno) 
 Il disegno con le onde io l'ho trovato su internet digitando sulla stringa di ricerca "onde disegni per bambini da colorare gratis". Ho stampato il disegno e ho tagliato il foglio bianco in eccesso. Ho ottenuto, così, una striscia di onde.

Ho ritagliato il cartoncino colorato della stessa dimensione della striscia con il disegno e le ho sovrapposte tenendo sotto il cartoncino colorato e sopra il foglio con il disegno.

Con il punteruolo ho punteggiato il disegno cercando di mantenere una lunghezza regolare tra un forellino e l'altro. Finito di punteggiare ho tolto il foglio con il disegno e mi sono ritrovata il cartoncino perfettamente bucherellato. In questo modo si possono ottenere disegni anche complessi senza usare la matita sul cartoncino e quindi il lavoro risulterà più pulito.

a questo punto non mi è rimasto che unire i lembi corti delle strisce con un po' di colla vinilica e mettere all'interno del cilindro la candela.






Ricordatevi che per i mesi estivi il tema di Ispirazioni&Co e l'ESTATE!!!


Commenti

  1. Troppo carina, Barby!
    Sempre fantasiosa!

    RispondiElimina
  2. Bella idea, ma la fiamma non brucia il cartoncino?
    Un caro saluto
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fiamma è troppo distante dal cartoncino per poterlo bruciare ;)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

la chiave segreta

Tutti custodiamo un segreto chiuso a chiave nella soffitta dell’anima. (Carlos Ruiz Zafón) Cosa succede se in un cassetto si trova una veccia e polverosa cornice ? Si butta, penseranno i più.  Invece di buttarla io ho pensato di recuperarla e di darle una nuova opportunità e ora vi spiego come ho fatto.