Passa ai contenuti principali

La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl

La fabbrica di cioccolato

Quando, prima di partire per le vacanze ho portato l'Ometto in libreria per scegliere i libri da portare in vacanza, la sua richiesta è arrivata precisa e puntuale: voglio un libro con poche figure, la cui lettura duri più giorni e che sia una bella storia per bambini.
 Ora devo fare una premessa: l'Ometto ha cominciato a perdere interesse per gli albi illustrati (che a me piacciono tanto) e si sta gradualmente avvicinando ai romanzi. E devo anche dire che l'Ometto vuole che a leggere sia io perché considera la lettura una grande coccola serale.

Abbiamo gironzolato in libreria parecchio prima di trovare "la fabbrica di cioccolato". Abbiamo ritenuto il libro adatto alle nostre esigenze e lo abbiamo acquistato.

L'inizio della lettura non è stato facile. Dopo i primi capitoli sembrava che avesse perso l'interesse o, per meglio dire, che non lo interessasse affatto. E invece dopo qualche giorno è scattata la scintilla.

Il libro è piaciuto molto anche a me (a dirla tutta). Ecco in breve la storia.

Tutto ruota intorno alla fabbrica di cioccolato del signor Wonka, che pare essere un luogo magico dal quale escono delizie di ogni genere.
Cinque fortunati bambini, tra i quali Charlie Bucket, saranno gli unici a poter entrare (accompagnati dai loro genitori) all'interno della fabbrica per una fantastica visita privata tra fiumi di cioccolato e stanze piene di leccornie.

Sapranno resistere alle tentazioni della gola?...

Se pensate che vi sveli io il resto della storia vi sbagliate di grosso... io adoro Willi Wonka e non farei mai a lui una scorrettezza del genere!!!

Con questo post partecipo a



Commenti

  1. Letto il libro e visto il film!!!
    Ti consiglio pure il seguito di questo libro ... L'ascensore di cristallo ..... forse meno bello, ma vale comunque la pena.
    La lettura serale è una coccola pure per noi!

    RispondiElimina
  2. Naturalmente il libro non l'ho letto ma il film l'ho visto. Complimenti a tuo figlio ha sicuramente già letto più libri di me!!! ah ah ah

    RispondiElimina
  3. Anch'io il film e mi è piaciuto troppo ma lo rivedo spesso ....

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.