Passa ai contenuti principali

La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl

La fabbrica di cioccolato

Quando, prima di partire per le vacanze ho portato l'Ometto in libreria per scegliere i libri da portare in vacanza, la sua richiesta è arrivata precisa e puntuale: voglio un libro con poche figure, la cui lettura duri più giorni e che sia una bella storia per bambini.
 Ora devo fare una premessa: l'Ometto ha cominciato a perdere interesse per gli albi illustrati (che a me piacciono tanto) e si sta gradualmente avvicinando ai romanzi. E devo anche dire che l'Ometto vuole che a leggere sia io perché considera la lettura una grande coccola serale.

Abbiamo gironzolato in libreria parecchio prima di trovare "la fabbrica di cioccolato". Abbiamo ritenuto il libro adatto alle nostre esigenze e lo abbiamo acquistato.

L'inizio della lettura non è stato facile. Dopo i primi capitoli sembrava che avesse perso l'interesse o, per meglio dire, che non lo interessasse affatto. E invece dopo qualche giorno è scattata la scintilla.

Il libro è piaciuto molto anche a me (a dirla tutta). Ecco in breve la storia.

Tutto ruota intorno alla fabbrica di cioccolato del signor Wonka, che pare essere un luogo magico dal quale escono delizie di ogni genere.
Cinque fortunati bambini, tra i quali Charlie Bucket, saranno gli unici a poter entrare (accompagnati dai loro genitori) all'interno della fabbrica per una fantastica visita privata tra fiumi di cioccolato e stanze piene di leccornie.

Sapranno resistere alle tentazioni della gola?...

Se pensate che vi sveli io il resto della storia vi sbagliate di grosso... io adoro Willi Wonka e non farei mai a lui una scorrettezza del genere!!!

Con questo post partecipo a



Commenti

  1. Letto il libro e visto il film!!!
    Ti consiglio pure il seguito di questo libro ... L'ascensore di cristallo ..... forse meno bello, ma vale comunque la pena.
    La lettura serale è una coccola pure per noi!

    RispondiElimina
  2. Naturalmente il libro non l'ho letto ma il film l'ho visto. Complimenti a tuo figlio ha sicuramente già letto più libri di me!!! ah ah ah

    RispondiElimina
  3. Anch'io il film e mi è piaciuto troppo ma lo rivedo spesso ....

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…