Passa ai contenuti principali

Sacchetto porta carica batterie


Avrei dovuto finire questo sacchetto prima delle vacanze. Sarebbe stato comodissimo avere in un unico posto tutti i cavi di ricarica delle batterie. Avrei dovuto, ma non ci sono riuscita. I miei buono propositi si sono infranti su un muro di cose da fare, di visite periodiche dal meccanico, di termosifoni da dipingere e di cucire non ne ho avuto proprio il tempo.

Sono partita per le vacanze con i cavi nella borsa pensando che tanto potevo mantenere facilmente la situazione sotto controllo.

Voi, però, non avete idea di che cosa sia la mia borsa prima della partenza: c'è di tutto!


Va be' comunque non ho lasciato nulla a casa e una volta arrivati a destinazione, piano piano ho ritrovato tutto. Quello che più mi premeva era il carica batterie del telefono perché ho il telefono un po' vecchiotto e mi si scarica presto.

Quasi quasi pensavo di aver fatto un lavoro inutile e che in fin dei conti ne potevo fare a meno e che una vota a casa avrei buttato tutto senza pietà.

Poi, però, il fattaccio. Ultimo giorno di vacanza, valigie piene, macchina caricata quasi del tutto, vado a prendere il cavo per mettere sotto carica il telefono e il panico... non lo trovo da nessuna parte. Dalla mia borsa esce di tutto (tranne il cavo, naturalmente) dallo zaino di mio figlio esce ugualmente di tutto, ma non quello che stavo cercando. Mio marito minaccia di riaprire tutte le valigie per fare una ricerca meticolosa e a me quasi mi viene un attacco isterico. Insomma il panico! Alla fine decido di mettere tutto in macchina e di fare un controllo accurato degli spazi (se non è in casa sarà sicuramente in macchina, mi sono detta!). Naturalmente in casa non c'era.

E' magicamente ricomparso il giorno dopo, a Roma. Dove stava? Ma naturalmente nella busta dei giocattoli del cucciolo!

Ecco, io alle prossime vacanze non mi voglio ritrovare a dare la caccia ai carica batterie!

In un momento di calma ho preso in mano ago e filo e ho finito la sacca.

Ora, se non vi site annoiati e non avete smesso di leggere questo lungo preambolo vi spiego come ho fatto.

Ho usato la parte finale di un paio di pantaloni di cotone non più utilizzabili. Su ina delle due gambe c'era un ricamo che mi dispiaceva non poter più utilizzare.

Con la penna bianca (quella che va via con l'acqua) ho scritto ciò che dovrebbe contenere la sacca.

Ho ricamato le scritte a punto scritto con un bel colore vivace e leggibile. Ho, poi cucito a punto nascosto la parte bassa del sacchetto. Per la parte superiore, invece, ho creato un budello dove far passare il cordoncino. Con l'aiuto di una spilla da balia ho fatto passare un nastrino che, se stretto, chiude perfettamente il sacchetto.

Ora è tutto pronto per un nuovo viaggio e una nuova avventura!!!

Con questo post partecipo a


Commenti

  1. E' un'idea bellissima... copierò anch'io. Brava brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Angela! Mettiamo un po' d'ordine nelle nostre borse!

      Elimina
  2. Barbara troppo forte ....è vero sono utilissimi questi sacchetti tra cavi di ogni genere ce ne sono sparsi ovunque negli armadi e cassetti e questa sacca è utilissima ... minima spesa ottima resa ma solo tua .... un abbraccio
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La spesa è stata praticamente nulla. Il resto dei pantaloni ha fatto un'ingloriosa fine nella spazzatura, che tanto io non ci stavo più dentro! Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  3. Ottimo lavoro. Sicuramente indispensabile.
    Io uso una busta di plastica molto dozzinale, ma per il momento me la faccio andare bene.
    Certo con questi cavi, che agonia!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Dannati carica batterie! Io mi ritrovo grovigli infernali in borsa. Questo sacchetto, spiritoso e utilissimo, in formato mini da poter essere messo in borsa mi sarebbe proprio utile! Ma hai cucito tutto a mano? Che quasi quasi...

    RispondiElimina
  6. Ottimo modo per essere sicuri di ritrovare tutto in un sol posto...ci faccio un pensierino! ;) Buona giornata.
    Vale

    RispondiElimina
  7. Mi piace la tua idea di riciclo, anche io uso delle sacche di stoffa per gli accessori tecnologici.

    RispondiElimina
  8. Effettivamente sono indispensabili! Mi piace molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…