Passa ai contenuti principali

Tegola disegnata


Questa estate, dopo tanto tempo, l'Ometto ed io siamo tornati a lavorare insieme. Il pretesto è stato creare una targa da appendere fuori alla porta della casa in campagna.

L'interesse dell'Ometto si è subito acceso e con esso anche il suo entusiasmo.

Siamo allora partiti con la SCELTA DEL MATERIALE.

Abbiamo fatto un giretto in cantina, ma non abbiamo trovato nulla di adatto. Mi sono ricordata, però, che da qualche parte dovevano esserci le vecchie tegole, rimanenze di quando era stato rifatto il tetto. Le abbiamo trovate nel retro della casa.

Abbiamo scelto quella che ci piaceva di più (la meno rovinata) e ci siamo messi al lavoro.

Prima di tutto abbiamo pulito la tegola: secchio sapone spazzola e olio di gomito.



Tolte tutte le impurità abbiamo risciacquato il coppo e lo abbiamo messo al sole ad asciugare.

Intanto che si asciugava noi siamo passati alla seconda fase: IL PROGETTO.

Matita e foglio alla mano l'Ometto si è messo a disegnare. Dopo alcuni tentativi e ripensamenti ne è uscito fuori un bambino che teneva in mano un soffione.

A questo punto non ci rimaneva altro da fare che passare alla terza fase: LA REALIZZAZIONE.

Il disegno fatto dall'Ometto era bellissimo, ma in campagna non avevamo a disposizione la carta carbone per riportarlo fedelmente sulla tegola e allora ho proposto all'Ometto di ridisegnare il bambino sul coppo cercando di farlo simile al disegno.

E devo dire che l'Ometto, che ha fatto una cosa che di solito detesta (fare due disegni uguali) è stato bravo.



Per colorare il disegno avevamo a disposizione solo le matite colorate e ci siamo adeguati. Il soffione disegnato a matita è stato cancellato e ridisegnato con la matita bianca.



Alla base del coppo abbiamo scritto "Casa di F..."

Ho passato una mano di vernice protettiva trasparente e ho lasciato asciugare.

Poi è bastato uno stop fuori dalla porta di casa.

Commenti

  1. Che bello realizzare piccoli progetti coi propri cuccioli!
    Le tegole sono un mio vecchio amore, le decoravo con la tecnica del decoupage pittorico, (è stato così che ho scoperto che gli acrilici scoloriscono al sole e il flatting diventa giallognolo) .
    Complimeti per la creatività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi io ho usato il flatting... speriamo che non diventi troppo giallagnolo!!!

      Elimina
  2. Ma forteeeeeeeeeeeee.
    La domanda è ... ma per farlo collaborare lo narcotizzi????
    Il Pripi ormai boicotta ogni mia iniziativa!!!
    Deprimente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti pare uno che si lascia narcotizzare? Ogni tanto mi chiede di fare cose insieme e io non me lo faccio ripetere due volte!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…