Passa ai contenuti principali

Tegola disegnata


Questa estate, dopo tanto tempo, l'Ometto ed io siamo tornati a lavorare insieme. Il pretesto è stato creare una targa da appendere fuori alla porta della casa in campagna.

L'interesse dell'Ometto si è subito acceso e con esso anche il suo entusiasmo.

Siamo allora partiti con la SCELTA DEL MATERIALE.

Abbiamo fatto un giretto in cantina, ma non abbiamo trovato nulla di adatto. Mi sono ricordata, però, che da qualche parte dovevano esserci le vecchie tegole, rimanenze di quando era stato rifatto il tetto. Le abbiamo trovate nel retro della casa.

Abbiamo scelto quella che ci piaceva di più (la meno rovinata) e ci siamo messi al lavoro.

Prima di tutto abbiamo pulito la tegola: secchio sapone spazzola e olio di gomito.



Tolte tutte le impurità abbiamo risciacquato il coppo e lo abbiamo messo al sole ad asciugare.

Intanto che si asciugava noi siamo passati alla seconda fase: IL PROGETTO.

Matita e foglio alla mano l'Ometto si è messo a disegnare. Dopo alcuni tentativi e ripensamenti ne è uscito fuori un bambino che teneva in mano un soffione.

A questo punto non ci rimaneva altro da fare che passare alla terza fase: LA REALIZZAZIONE.

Il disegno fatto dall'Ometto era bellissimo, ma in campagna non avevamo a disposizione la carta carbone per riportarlo fedelmente sulla tegola e allora ho proposto all'Ometto di ridisegnare il bambino sul coppo cercando di farlo simile al disegno.

E devo dire che l'Ometto, che ha fatto una cosa che di solito detesta (fare due disegni uguali) è stato bravo.



Per colorare il disegno avevamo a disposizione solo le matite colorate e ci siamo adeguati. Il soffione disegnato a matita è stato cancellato e ridisegnato con la matita bianca.



Alla base del coppo abbiamo scritto "Casa di F..."

Ho passato una mano di vernice protettiva trasparente e ho lasciato asciugare.

Poi è bastato uno stop fuori dalla porta di casa.

Commenti

  1. Che bello realizzare piccoli progetti coi propri cuccioli!
    Le tegole sono un mio vecchio amore, le decoravo con la tecnica del decoupage pittorico, (è stato così che ho scoperto che gli acrilici scoloriscono al sole e il flatting diventa giallognolo) .
    Complimeti per la creatività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi io ho usato il flatting... speriamo che non diventi troppo giallagnolo!!!

      Elimina
  2. Ma forteeeeeeeeeeeee.
    La domanda è ... ma per farlo collaborare lo narcotizzi????
    Il Pripi ormai boicotta ogni mia iniziativa!!!
    Deprimente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti pare uno che si lascia narcotizzare? Ogni tanto mi chiede di fare cose insieme e io non me lo faccio ripetere due volte!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party