Passa ai contenuti principali

Visita all' Archeo Parc in Val Senales


Il primo incontro con Otzi ci fu due anni fa al Museo Archeologico di Bolzano. Il Piccolo Esploratore era ancora piccolo, questo blog ancora non esisteva, ma comunque l'esperienza fu notevole.

A due anni di distanza torniamo a incontralo a casa sua, in Val Senales. Eh sì, è proprio tra i ghiacciai di questa valle che è stato ritrovato.

Per conoscere un po' meglio Otzi e i suoi amici siamo andato a fare una gita all'Archeo Parc e, devo dire, ci siamo trovati bene, ci siamo divertiti e abbiamo fatto esperienze difficilmente riproducibili.

La prima parte del museo è al chiuso: prima della pratica ci vuole sempre un po' di teoria!
Abbiamo appreso quali erano i vestiti, quale la scrittura quali le armi della caccia degli uomini del neolitico.

Poi si è aperta una porticina e siamo finiti all'aria aperta nella ricostruzione fedele (per quanto ne sappiamo) di un villaggio del neolitico.

Siamo entrati in una capanna, ci siamo accomodati su una lunga panca di legno e abbiamo imparato ad accendere il fuoco con due pietre, un fungo parassita, un po' di paglia secca e l'aria.


Ed è stata subito magia!


Intanto perché io non lo sapevo mica che con il solo sfregamento della pietra focaia la paglia non prende fuoco perché le scintille sono troppo piccole e inconsistenti, e poi veder creare il fuoco è emozionante. Il gesto dell'accensione ti fa capire come la scoperta del fuoco sia stata un passaggio fondamentale per la vita e l'evoluzione dell'uomo.

E con quel fuoco, poi, abbiamo cotto il pane su un lungo spiedo di legno e il pane (frutto della terra) e il fuoco si sono incontrati e hanno per un po' danzato insieme. Il pane, una volta cotto, era buonissimo.


Così una giornata uggiosa, cominciata con poca voglia di fare qualche cosa si è rivelata essere una giornata meravigliosa.

Con questo post partecipo a Ispirazioni&Co.


Commenti

  1. Saper accendere il fuoco oggi è un'arte credo... non ho la più pallida idea di come si faccia ;-D
    Bello il racconto di questa magica esperienza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho visto fare e non sono mica sicura di saperlo rifare... in compenso so cuocere perfettamente il pane sullo spiedo senza farlo bruciare!

      Elimina
  2. Che bella esperienza, con la scusa di portarci il cucciolo vedi un sacco di cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti qualche volta si approfitta della presenza del cucciolo!

      Elimina
  3. Brava, Barby!!!!
    Grazie per averci raccontato questa bella esperienza.
    E, soprattutto, complimenti per essere sempre una mamma sempre così piena di iniziative.

    RispondiElimina
  4. Il fatto è che mi diverto un sacco anche io!

    RispondiElimina
  5. Bella avventura Barbara, mi piacciono un sacco quei parchi a tema, specialmente se fatti bene e con attività interessanti per i cuccioli e per i grandi che possono liberare per n po' il bambino che tengono dentro :-)

    Un bacio

    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ci siamo divertiti molto ed è stato anche molto istruttivo. Sono sempre pronta a ritornare bambina! Grazie per essere passato di qui.
      Baci
      Barbara

      Elimina
  6. Deve essere davvero belle questo Archeo Parc mi hai incuriosito. Soprattutto mi piacerebbe visitare la capanna. Grazie per avermelo fatto conoscere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata veramente una bellissima esperienza. Benvenuta anche di qua!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…