Passa ai contenuti principali

Lettera all'Amico della Montagna


Io questa mattina avrei dovuto scrivere il post da pubblicare martedì per Ispirazioni&Co. (che il lavoro è tutto finito e fotografato) e invece mi ritrovo a scrivere tutt'altro.

Questa mattina mentre finivo si sistemare lo zaino di mio figlio, lo imploravo di ricordarsi di riportare a casa i quaderni e i libri giusti (che quest'anno è un incubo!) mi è capitato tra le mani il quadernino della brutta copia che a casa non serve mai, ma che per un mistero misterioso è sempre nello zaino. Mi è capitato tra le mani e l'ho aperto e ho trovato questa lettera e mi sono venute le lacrime agli occhi.

Ora, vi pare giusto che mio figlio scriva una LETTERA al figlio della Squitty senza dirmi niente?!Senza farmela vedere? Ma vi pare giusto!!!

Comunque meno male che me ne sono accorta e che sono impicciona interessata all'andamento scolastico di mio figlio e che controllo i suoi quaderni, altrimenti una perla del genere me la sarei persa!

Sono emozionatissima. Intanto perché ho la prova che non ha "subìto" l'incontro tra Comari, ma che è stata anche per lui una bella esperienza, che lui e il Pripi (l'amico di montagna) si sono divertiti a giocare insieme, a correre, a cercare di farsi male con i bastoni vigilati da mio marito, che Federica e io avevamo troppo di cui parlare.

E poi la consapevolezza che tutto quello che ha scritto non è stato mediato o filtrato da nessuno: la lettera è stata scritta a scuola e ogni singola parola è stata genuinamente pensata e scritta da Fede.

Ora mi domando: quanto tempo dobbiamo aspettare perché questi bimbi si incontrino di nuovo? Quando li riportiamo a fare un bel pic-nic così mio figlio digiuna di nuovo (che giocare è sempre più divertente che mangiare)? Spero presto eh!

Spero anche di avere presto tra le mani il "quaderno dei testi" dove è conservata la versione bella di questa lettera e dove Federico ha fatto anche il disegno (che io sono curiosissima di vedere!)


Commenti

  1. Dolcissima questa lettera e dolcissimo il tuo ometto Barby! Che tenerezza <3

    RispondiElimina
  2. Barby non ci credo... ma che spettacolo e' quella letterina... gia che un bimbo si metta di suo pugno a scrivere una cosa cosi' e' spettacolare... poi tutto da solo... ma dai.... Beh in fondo la dolcezza da qualcuno l'avrà presa no?

    Bene oggi sei riuscita ad emozionarmi :-)

    Un abbraccio a te e al piccolo scrittore

    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, uno Gnomo che emoziona un Lupo! Io ancora non mi sono ripresa del tutto dall'emozione di questa mattina e poi, per magia, è appena tornato a casa il quaderno della bella copia!

      Elimina
  3. ma dai mi sono commossa ....... è fantastico .... mi verrebbe da dire è un figlio di Comare!!!!! e il seme c'è !!!! ..... e si chiama Federico ...non c'è altra spiegazione ....
    un abbraccio
    p.s. ma perchè io ad un pic nic riesco a mangiare più del solito???? mah è un mistero !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo Gnomo ogni tanto riesce a lasciare senza parole anche me! Giusi noi nel picnic vediamo il lato conviviale (e quindi mangiamo!) i bambini vedono solo il lato ludico ... il risultato è che noi mangiamo e loro giocano!

      Elimina
  4. Beh, devo venire a commentare ufficialmente questo magnifico post!!!
    Ovviamente l'ho letto, riletto, stampato, consegnato al mittente.
    E mi sono emozionata un sacco!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.