Passa ai contenuti principali

Lettera all'Amico della Montagna


Io questa mattina avrei dovuto scrivere il post da pubblicare martedì per Ispirazioni&Co. (che il lavoro è tutto finito e fotografato) e invece mi ritrovo a scrivere tutt'altro.

Questa mattina mentre finivo si sistemare lo zaino di mio figlio, lo imploravo di ricordarsi di riportare a casa i quaderni e i libri giusti (che quest'anno è un incubo!) mi è capitato tra le mani il quadernino della brutta copia che a casa non serve mai, ma che per un mistero misterioso è sempre nello zaino. Mi è capitato tra le mani e l'ho aperto e ho trovato questa lettera e mi sono venute le lacrime agli occhi.

Ora, vi pare giusto che mio figlio scriva una LETTERA al figlio della Squitty senza dirmi niente?!Senza farmela vedere? Ma vi pare giusto!!!

Comunque meno male che me ne sono accorta e che sono impicciona interessata all'andamento scolastico di mio figlio e che controllo i suoi quaderni, altrimenti una perla del genere me la sarei persa!

Sono emozionatissima. Intanto perché ho la prova che non ha "subìto" l'incontro tra Comari, ma che è stata anche per lui una bella esperienza, che lui e il Pripi (l'amico di montagna) si sono divertiti a giocare insieme, a correre, a cercare di farsi male con i bastoni vigilati da mio marito, che Federica e io avevamo troppo di cui parlare.

E poi la consapevolezza che tutto quello che ha scritto non è stato mediato o filtrato da nessuno: la lettera è stata scritta a scuola e ogni singola parola è stata genuinamente pensata e scritta da Fede.

Ora mi domando: quanto tempo dobbiamo aspettare perché questi bimbi si incontrino di nuovo? Quando li riportiamo a fare un bel pic-nic così mio figlio digiuna di nuovo (che giocare è sempre più divertente che mangiare)? Spero presto eh!

Spero anche di avere presto tra le mani il "quaderno dei testi" dove è conservata la versione bella di questa lettera e dove Federico ha fatto anche il disegno (che io sono curiosissima di vedere!)


Commenti

  1. Dolcissima questa lettera e dolcissimo il tuo ometto Barby! Che tenerezza <3

    RispondiElimina
  2. Barby non ci credo... ma che spettacolo e' quella letterina... gia che un bimbo si metta di suo pugno a scrivere una cosa cosi' e' spettacolare... poi tutto da solo... ma dai.... Beh in fondo la dolcezza da qualcuno l'avrà presa no?

    Bene oggi sei riuscita ad emozionarmi :-)

    Un abbraccio a te e al piccolo scrittore

    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, uno Gnomo che emoziona un Lupo! Io ancora non mi sono ripresa del tutto dall'emozione di questa mattina e poi, per magia, è appena tornato a casa il quaderno della bella copia!

      Elimina
  3. ma dai mi sono commossa ....... è fantastico .... mi verrebbe da dire è un figlio di Comare!!!!! e il seme c'è !!!! ..... e si chiama Federico ...non c'è altra spiegazione ....
    un abbraccio
    p.s. ma perchè io ad un pic nic riesco a mangiare più del solito???? mah è un mistero !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo Gnomo ogni tanto riesce a lasciare senza parole anche me! Giusi noi nel picnic vediamo il lato conviviale (e quindi mangiamo!) i bambini vedono solo il lato ludico ... il risultato è che noi mangiamo e loro giocano!

      Elimina
  4. Beh, devo venire a commentare ufficialmente questo magnifico post!!!
    Ovviamente l'ho letto, riletto, stampato, consegnato al mittente.
    E mi sono emozionata un sacco!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.