Passa ai contenuti principali

Sal 2015: albero di Natale yo-yo

 
Sono lieta di presentarvi il progetto al quale ho lavorato in quest'ultimo periodo.
Quest'anno non mi va di lavorare da sola ai progetti natalizi, ho voglia di pasticciare in compagnia insieme a voi.
Sì, ma come? L'idea di organizzare un workshop a casa mia mi è venuta, non lo posso negare, ma l'organizzazione familiare e l'organizzazione degli spazi di casa non lo consentono.
Allora ho deciso di lavorare insieme a voi qui sul blog, nella mia casa virtuale organizzando un SAL che ci vedrà impegnate per tutto il mese di Novembre.

Che cosa è un SAL? Ora ve lo spiego!
S.A.L. significa letteralmente Stato Avanzamento Lavori. In pratica si tratta di fare qualche cosa insieme e avere degli appuntamenti fissi durante i quali confrontarsi.
Il progetto che ho scelto di realizzare insieme a voi è semplice e d'effetto. E' un alberello di Natale realizzato usando la tecnica del Patchwork del fiore Yo-Yo. C'è da usare l'ago e il filo, ma nulla di impossibile!
 
 
Io pubblicherò il tutorial a puntate. Ogni mercoledì per tre settimane troverete, qui sul blog, le spiegazioni per procedere con il lavoro. Alla fine mi piacerebbe raccogliere tutti i vostri lavori in un unico post. Perché voi non mi lascerete sola soletta a lavorare, vero??? Siete pronti tutti a partecipare a questa avventura?
Vi do appuntamento il 4 novembre per la lista dei materiali che vi occorreranno!

Commenti

  1. Ok ok...preparativi di Natale? Ci sono!

    RispondiElimina
  2. Ma certo Barbara. Bellissima idea. Ti seguo. Kiss

    RispondiElimina
  3. mmmmmm adoro questa tecnica .... sono alle prime armi ma mi piace da impazzire ..... alberello troppo simpatico ... ci penso ....

    RispondiElimina
  4. Che bella idea...mi piace un sacco!!!!

    RispondiElimina
  5. Che bello! Allora vi aspetto tutte mercoledì per la lista dei materiali.

    RispondiElimina
  6. Mi credi che quest'anno non ho fatto neppure mezzo lavoretto di Natale?
    Questo alberello è davvero carino.
    Me lo tengo per il prossimo anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho i due in croce! Mi manca di preparare il centrotavola per il 24 e i segnaposto e poi vado in ferie!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt