Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 3: la fata del fuoco


Questo, con gli anni, è diventato un blog dove si parla prevalentemente di craft, di lavoretti e di creatività. Così, magari, a qualcuno può sembrare strano che io mi metta a scrivere, di domenica sera, il finale di un racconto.

Anche raccontare e inventare storie è però una attività creativa e quindi eccomi qui a giocare anche io!

Quale gioco direte voi? Quello di Patricia Moll che ogni 20 del mese scrive sul suo blog l'incipit di un racconto e chiede ai suoi amici di completare la storia con una sola, semplice regola: scrivere il finale in 200/300 battute o in 200/300 parole.

Io questa volta, per ringraziare Patricia della sua bellissima filastrocca e perché a me le sfide creative mi piacciono molto, sono qui a scrivere il mio finale.

Prima, però, perché il racconto abbia un senso, scrivo qui anche l'incipit di Patricia.

Seduta sul dondolo il tazzone di tè al gelsomino fumante tra le mani, guardava il fuoco nel camino. Le fiamme giocavano allegre a creare strane figure. Fiori, alberi, fate, una porta.
Ma oltre la porta una figura vagamente umana faceva cenno di seguirla. Come in trance, si alzò e andò verso di lei.
 
Ed ecco il mio finale
 
Una scintilla di fu sufficiente per trasportare la signora nel mondo fatato. Tante volte, da piccola, c'era già stata. Poi, per tanto tempo, l'incantesimo si era interrotto. Troppe preoccupazioni le avevano fatto dimenticare la magia dell'immaginazione. La "pioggia di fuoco" la fece tornare bambina e decise di abbandonarsi all'immaginazione.

Commenti

  1. E hai fatto benissimo Barbara!
    Il tuo oltre che un finale è una grande verità. MAI E POI MAI dimenticarsi della fantasia e dell'immaginazione. Ogni tanto almeno spolverarle e metterle in funzione. Ci dà sollievo!
    Grazie della partecipazione e al prossimo mese... :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Patricia. Ci sarò anche il prossimo mese, prometto! Ora sono curiosa di leggere tutti i finali uno di fila all'altro.

      Elimina
  2. Troppo bello e dolce Barbara ...mi piace tanto il tuo racconto ... e anche sognare .... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi... serve sognare, fa bene allo spirito!

      Elimina
  3. Finale dolce, Barbara... Come te, da quello che intuisco :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto più spigolosa di quello che sembra :)

      Elimina
  4. Bravissima Barbara.
    Mai dimenticare l'immaginazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.