Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 3: la fata del fuoco


Questo, con gli anni, è diventato un blog dove si parla prevalentemente di craft, di lavoretti e di creatività. Così, magari, a qualcuno può sembrare strano che io mi metta a scrivere, di domenica sera, il finale di un racconto.

Anche raccontare e inventare storie è però una attività creativa e quindi eccomi qui a giocare anche io!

Quale gioco direte voi? Quello di Patricia Moll che ogni 20 del mese scrive sul suo blog l'incipit di un racconto e chiede ai suoi amici di completare la storia con una sola, semplice regola: scrivere il finale in 200/300 battute o in 200/300 parole.

Io questa volta, per ringraziare Patricia della sua bellissima filastrocca e perché a me le sfide creative mi piacciono molto, sono qui a scrivere il mio finale.

Prima, però, perché il racconto abbia un senso, scrivo qui anche l'incipit di Patricia.

Seduta sul dondolo il tazzone di tè al gelsomino fumante tra le mani, guardava il fuoco nel camino. Le fiamme giocavano allegre a creare strane figure. Fiori, alberi, fate, una porta.
Ma oltre la porta una figura vagamente umana faceva cenno di seguirla. Come in trance, si alzò e andò verso di lei.
 
Ed ecco il mio finale
 
Una scintilla di fu sufficiente per trasportare la signora nel mondo fatato. Tante volte, da piccola, c'era già stata. Poi, per tanto tempo, l'incantesimo si era interrotto. Troppe preoccupazioni le avevano fatto dimenticare la magia dell'immaginazione. La "pioggia di fuoco" la fece tornare bambina e decise di abbandonarsi all'immaginazione.

Commenti

  1. E hai fatto benissimo Barbara!
    Il tuo oltre che un finale è una grande verità. MAI E POI MAI dimenticarsi della fantasia e dell'immaginazione. Ogni tanto almeno spolverarle e metterle in funzione. Ci dà sollievo!
    Grazie della partecipazione e al prossimo mese... :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Patricia. Ci sarò anche il prossimo mese, prometto! Ora sono curiosa di leggere tutti i finali uno di fila all'altro.

      Elimina
  2. Troppo bello e dolce Barbara ...mi piace tanto il tuo racconto ... e anche sognare .... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi... serve sognare, fa bene allo spirito!

      Elimina
  3. Finale dolce, Barbara... Come te, da quello che intuisco :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto più spigolosa di quello che sembra :)

      Elimina
  4. Bravissima Barbara.
    Mai dimenticare l'immaginazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…