Passa ai contenuti principali

#ispirazioninfiera e l'incontro con l'arteterapia


Ad Abilmente, ormai lo avrete capito, ho incontrato tante realtà diverse. Ho visto, mostre, ho incontrato creativi e mi sono imbattuta anche nell'associazione ArteA, che si occupa della divulgazione dell'arteterapia nelle sue applicazioni in ambito socio sanitario.

Arteterapia? Di cosa sto parlando? Che cosa è?
Curiosi? Ve lo spiego qui.
.


Intanto vi dico solo che ho potuto dare una sbirciatina a uno dei workshop!



Mi dispiace non potervi mostrare di più, ma i workshop quando sono arrivata io erano in corso e non potevo essere troppo invadente con le fotografie.

Spero di avervi incuriosito almeno un poco.

Se volete saperne di più sull'arteterapia e sulle attività dell'Associazione potete trovarli su facebook twitter e pinterest

Questo è un post di


Io vi do appuntamento a lunedì prossimo per una nuova scoperta

 

Commenti

  1. Interessantissima questa arteterapia Barbara, chissà cosa combinavano nel workshop :D
    Eh sì mi hai proprio incuriosito!
    Praticamente ne avremmo bisogno ogni giorno per dare il massimo di noi stessi.
    Magari esiste il bioritmo artistico :D
    Un caro saluto
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante questa teoria del "bioritmo artistico" :). Sono contenta di averti incuriosita almeno un po'!

      Elimina
  2. Ne so qualcosa da un punto di vista personale anche se non sapevo che si chiamasse così. E' molto positivo e importante quello che hai scoperto di te stessa: fanne tesoro.
    Un bacione Licia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne farò sicuramente tesoro. Un bacione anche a te.

      Elimina
  3. Ciao Barbara, si in effetti sei riuscita a incuriosire. Le piante vedo non vedo contribuiscono a lasciare un velo di mistero ;) bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho chiesto il permesso di fare foto praticamente mi hanno detto di "Sì ma senza che si vedano bene le persone o i lavori"...così io ho messo in primo piano le piante!

      Elimina
  4. Sicuramente le nostre scelte rispecchiano chi siamo. Sfruttare l'arteterapia per sviluppare al meglio una condizione o guarire un malessere è un buon modo per affrontare la vita.

    RispondiElimina
  5. Che cosa interessante ci hai illustrato. ...bellissimo ecco mi sarebbe piaciuto sperimentarlo. ..per capire quale tecnica o materiale mi si addice di più. ..visto che adoro tante cose
    ..grazie molto bello questo post. ..

    RispondiElimina
  6. Interessantissimo post, Barbara. Brava!!!
    Una scoperta.
    Anch'io, come Giusi, sarei curiosa di sapere, quale tipo di materiale e quale tecnica mi sarebbe più congeniale. Ho idea di non aver ancora individuato la mia strada.

    RispondiElimina
  7. Ragazze, che vi devo dire, se avessi avuto più tempo a mia disposizione sarei andata a provare per voi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.